I ricchi dormono più dei poveri, lo dice la scienza

Alcuni ricercatori sostengono che i ricchi dormono di più e meglio dei poveri. Scopriamo come la condizione socio-economica può incidere sulla qualità del sonno

Fonte: Flickr

Gli individui ricchi dormono di più e meglio rispetto a quelli poveri. È questo quanto emerge leggendo i risultati di un’analisi condotta da un gruppo di ingegneri colombiani e pubblicata con il titolo “Rich do not rise early: spatio-temporal patterns in the mobility networks of different socio-economic classes”. I ricercatori hanno analizzato la mobilità urbana nelle città colombiane di Medellin e Manizales concentrandosi in special modo sul pendolarismo. Hanno così dimostrato che tutte le classi sociali sono soggette a spostamenti, ma che i ricchi riescono ad affrontare le distanze con maggiore comfort.

Grazie al trasporto privato ed ai percorsi migliori, i pendolari abbienti risultano infatti notevolmente agevolati. Ad esempio, la mattina escono di casa più tardi rispetto ai poveri, mentre la sera rientrano prima in seno alla loro famiglia; inoltre passano meno tempo bloccati nel traffico. Tutto ciò si traduce in una migliore qualità del sonno e del riposo, sia mentale che fisico. I ricercatori hanno così dimostrato che i ricchi dormono di più e dormono meglio. Ed è un fattore non di poco conto, in quanto la privazione del sonno e l’insonnia possono causare deterioramento cognitivo e patologie fisiche.

Gli autori dello studio hanno analizzato i momenti della giornata in cui la gente è più propensa a viaggiare. Sono così arrivati alla conclusione che i tempi di movimento sono strettamente legati alla condizione socio-economica. Con l’aumentare della classe sociale, il picco dell’utilizzo dei mezzi di trasporto si sposta in avanti nel corso della mattinata. Se i soggetti meno abbienti viaggiano principalmente tra le 5 e le 6 del mattino, quelli con i redditi più alti si muovono intorno alle 7. Da questo punto di vista, quindi, la povertà ed i mezzi di sostentamento sembrano avere una stretta correlazione con il dormire.

Le persone con meno capitale economico tendono a lasciare prima le loro case in quanto utilizzano mezzi pubblici più lenti e meno affidabili o raggiungono il posto di lavoro a piedi. Inoltre sono maggiormente affaticati ed hanno molto meno tempo libero. Al contrario, potendo uscire di casa con maggiore calma, i ricchi dormono di più e possono dedicare del tempo a loro stessi ed alla famiglia anche di prima mattina. Pur partendo dall’analisi della mobilità urbana, lo studio ha dimostrato una volta di più che la ricchezza consente di vivere un’esistenza più comoda.

Contenuti sponsorizzati

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti