Isola del Giglio, salvi i mufloni che rischiavano la mattanza

Animalisti in festa: sono salvi i mufloni dell’Isola del Giglio dopo la mobilitazione dei cittadini.

2 Dicembre 2021
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!

C’è aria di festa tra gli animalisti e i cittadini che hanno dato il loro sostegno alle associazioni scese in campo. Come annunciato da Oipa – Organizzazione internazionale protezione animali, sono salvi i mufloni dell’Isola del Giglio che rischiavano di essere vittime della mattanza. Era stata proprio Oipa, infatti, a lanciare l’allarme per l’apertura della stagione della caccia rendendo pubblico il Disciplinare operativo.

Definito come una vera e propria “strage”, il prelievo degli animali era stato previsto dall’Ente Parco nazionale dell’Arcipelago Toscano. Ma di fronte all’iniziativa gli animalisti hanno  subito sollevato le proprie voci. “Servirà ai cacciatori per accumulare punti come ‘selecontrollori’ e a utilizzare il carnaio per l’‘autoconsumo’”, denunciava Oipa.

“Chiediamo all’Ente Parco e alla Regione Toscana un ripensamento che salvi le poche decine di mufloni presenti nell’isola, come richiesto dall’opinione pubblica, e a vantaggio dell’immagine stessa del Parco dell’Arcipelago toscano”. Così l’associazione e i cittadini si rivolgevano alle autorità di competenza ed evidentemente le loro ragioni sono state accolte.

Il presidente dell’Oipa Massimo Comparotto, in una nota diffusa agli organi di stampa, commenta così: “La mattanza dei mufloni dell’Isola del Giglio è stata interrotta dopo la mobilitazione di associazioni e cittadini: una vittoria che ci motiva a lottare sempre di più a difesa degli animali. Siamo noi la loro voce”.

E conclude: “Gli esemplari abbattuti nei giorni scorsi sono le vittime innocenti di una soluzione frettolosa escogitata per il contenimento di una specie presente da molto tempo nell’isola, oltretutto con pochi esemplari. L’abbattimento non è mai la soluzione, questa vicenda lo dimostra, ma è una prassi che offende la civiltà e la sensibilità della stragrande maggioranza dell’opinione pubblica”.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti