KELT-16b, esopianeta simile a Giove

Sulla rivista di divulgazione scientifica The Astronomical Journal è stata pubblicata la notizia di una scoperta molto importante

Fonte: Pixabay

Sulla rivista di divulgazione scientifica The Astronomical Journal è stata pubblicata la notizia di una scoperta molto importante. Alcuni scienziati, infatti, hanno individuato un esopianeta di Giove denominato KELT-16b. Il nome deriva dalla stella KELT-16. Infatti, questo gioviano ruota intorno a questa stella in maniera assai pericolosa. Per questa ragione è stato stabilito che a breve, in termini astrofisici, potrebbe porre fine alla sua stessa esistenza.

La stella deve a sua volta il nome al Kilodegree Extremely Little Telescope, in breve KELT per l’appunto. Questo è lo strumento che ha permesso agli scienziati di osservare la stella e scoprire il piccolo e torrido pianeta KELT-16b. La temperatura del corpo celeste, infatti, è molto alta e ciò è causato dalla sua vicinanza a KELT-16. Lo studio su questo pianeta è stato effettuato dai ricercatori del Pennsylvania.

Le caratteristiche fondamentali

KELT-16b è un esopianeta. Con questo termine s’indica un corpo celeste appartenente ad un Sistema Solare diverso dal nostro. Altro termine per indicare un oggetto di tale natura è infatti pianeta extrasolare. KELT-16b ha un raggio ampio 1,4 volte quello di Giove ed una massa pari a 2,75 dello stesso pianeta di riferimento. Ha una temperatura molto elevata, pari a 2453K. Il pianeta è così vicino alla sua stella che completa il suo moto di rivoluzione in un solo giorno terrestre.

Questa caratteristica comporta due conseguenze. In primis lo rende soggetto alla forza attrattiva di KELT-16 e tende ad avvicinarsi giorno per giorno. Inoltre, subisce costantemente un forte irraggiamento. Questo esopianeta, dunque, è tenuto d’occhio perché potrebbe rivelare tante cose sulla vita di un corpo celeste. Potrebbe dare delucidazioni su concetti di formazione e migrazione.

Pianeti e scienza

Da sempre l’uomo è affascinato dal cielo e da tutto ciò che confonde. La ricerca scientifica col tempo sta ottenendo risultati sempre più importanti. In molti credono che l’obiettivo principale sia la ricerca di vita ultraterrena. Questo ragionamento a priori è del tutto sbagliato.

L’astrofisica si occupa di faccende che possono sembrarci lontane, ma che in fondo permettono di vivere al meglio su questo pianeta, sulla Terra. E nel corso degli anni di passi ne sono stati fatti. A volte però, quando doveroso, si è fatto anche qualche passo indietro.

TAG:

Contenuti sponsorizzati

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti