Nasce in Italia il primo orgasmometro

Alcuni ricercatori italiani hanno ideato l’orgasmometro, un test, unico al mondo, in grado di misurare il piacere della donna

Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!

Per la prima volta è stato creato dai ricercatori italiani l’orgasmometro, un test specifico per misurare il piacere della donna. A realizzarlo un gruppo di studiosi italiani, che ha presentato il progetto durante il XII Congresso Nazionale della Società Italiana di Andrologia e Medicina della Sessualità (SIAMS). Si tratta del promo strumento al mondo in grado di valutare in modo molto semplice e immediato come e se una donna prova piacere.

“L’orgasmometro femminile – ha spiegato Emmanuele A. Jannini, a capo del gruppo di ricerca che ha creato l’orgasmometro – è molto semplice: si tratta di una scala da uno a dieci che va da nessun tipo di piacere al massimo stato di godimento immaginabile. Sulla falsariga del test per la valutazione del dolore, consente alla donna di fermarsi a riflettere sul suo orgasmo e di indicarne l’intensità su una scala graduata”.

L’orgasmometro nasce da lunghe ricerche effettuato su un gruppo di volontarie: “Abbiamo convalidato lo strumento su oltre 500 donne con e senza disturbi sessuali – ha svelato il ricercatore – e verificato che un punteggio inferiore a cinque si correla con un minor godimento e con una maggior probabilità di disagi sessuali. L’indicazione sulla scala è naturalmente una valutazione soggettiva da parte della donna, ma i nostri dati mostrano che c’è un legame evidente con eventuali problemi di natura sessuale”.

Gli studiosi hanno studiato l’orgasmometro mettendolo in relazione anche alla tipologia di orgasmo: “Abbiamo verificato che il piacere è più intenso in coloro che provano l’orgasmo con la penetrazione vaginale – ha svelato Jannini – rispetto alle donne che lo provano soltanto con la stimolazione clitoridea o con entrambe le modalità. Inoltre, abbiamo anche osservato che minore è la tendenza a masturbarsi, per esempio meno di una volta a settimana, maggiore è la percezione del piacere nelle donne che provano l’orgasmo vaginale – ha aggiunto lo studioso – ciò si può spiegare con una minor conoscenza del proprio corpo e del proprio piacere da parte di queste donne rispetto a coloro che provano anche orgasmi clitoridei, si può supporre in altri termini che le donne con orgasmi vaginali tendano a sovrastimare il loro godimento”.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti