Non buttare le bucce di mela: gli usi alternativi

Della mela non si butta via niente, anche bucce e torsoli possono essere riutilizzati: vediamo come

Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi piĆ¹ alti!

Si dice che una mela al giorno tolga il medico di torno. In effetti le mele sono un frutto sano e con molti benefici per l’organismo, e di cui non dovremmo buttare via neanche le bucce. Certo, siamo abituati a consumare la mela sbucciata, ma invece di sbarazzarci delle bucce impariamo a riciclarle: resteremo sorpresi dai molteplici usi che se ne possono fare per dare loro nuova vita all’insegna dell’ecologia.

Coloro che hanno un orto o un bel terrazzo ornato da piante possono usare le bucce di mela per realizzare un composto da spargere sulla terra: è sufficiente tritarle, unirle ad altri scarti organici e il gioco è fatto. Vedrete le piante come cresceranno bene.

L’aroma delle mele può inondare anche i nostri armadi. Come? Essiccando le bucce in scatole di latta e inserendole in un secondo momento in sacchetti di cotone. Cassetti e armadi verranno invasi da un dolce profumo.

Lo stesso aroma può arricchire infusi e tisane. Anche in questo caso il gioco è dei più semplici: basta far essiccare le bucce e mischiarle con acqua calda. Le bucce di mele sono ottime pure per pulire le pentole rimuovendo le incrostazioni più difficili. Mettetele a bollire per 30 minuti all’interno della superficie da pulire e torneranno brillanti come una volta.

Le bucce di mela si possono mangiare una volta che sono state trasformate in dolci sfiziosi. Dopo essere state tagliate e messe in un pentolino con zucchero ed acqua, vanno lasciate sul fuoco per qualche minuto. Una volta asciugate, provate a resistere a questa bontà.

Non solo le bucce: anche i torsoli di mela possono essere riciclati e convertiti in gelatina. Ricopriamoli con del succo di limone prima di far bollire il tutto per una buona mezz’ora. Quindi flitriamo il composto con uno scolapasta per almeno 5 ore e aggiungiamo lo zucchero e una busta di gelificante. Facciamo cuocere altri 30 minuti e riponiamo la gelatina in vasetti sterilizzati. Prima di consumarla bisogna lasciarla raffreddare.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti