0, 0, 0, 0, 1, 1, 0 trend

Non buttare via il latte scaduto, ecco come potresti usarlo

Anche se la data di scadenza è passata, il latte avariato può essere sapientemente riciclato in cucina e non solo: ecco qualche idea

11 Giugno 2020
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!

A parte il latte a lunga conservazione, che è stato provvidenziale nelle lunghe settimane di lockdown, quello che dura qualche giorno va saputo dosare con cura: il rischio principale, infatti, è che qualora ne compriamo una quantità eccessiva, non riusciamo a smaltirlo entro la data di scadenza finendo per sprecare soldi e materia prima preziosa.

Il latte avariato ha un odore piuttosto riconoscibile, tendente al rancido, e peggiora col passare dei giorni e a seconda delle modalità di conservazione: lasciarlo fuori dal frigo ad una temperatura alta, o esposto alla luce diretta de sole, per esempio, non è affatto una scelta saggia.

Qualora però il latte sia scaduto da un paio di giorni e l’odore non sia così nauseabondo, vi invitiamo a non gettarlo subito nello scarico del lavandino ma a dargli una seconda possibilità. Ebbene, anche il latte avariato può essere riciclato: a dirlo è lo chef stellato Dan Barber che presso il suo ristorante newyorchese Blue Hill, lo usa per i dolci.

Sì, avete letto bene: il latte scaduto sembra essere un ottimo sostituto del latticello (ecco perché questo ingrediente rende i dolci così soffici) e può essere impiegato nella preparazione dei biscotti o dei pancakes. A riprova di ciò, Tasting Table sostiene che in effetti usare il latte non più freschissimo per i prodotti da forno può portare a risultati addirittura migliori in cucina a causa del maggior grado di acidità.

Va ricordato, però, che il latte riciclato deve essere esclusivamente pastorizzato e non crudo (ecco cosa dice la scienza in merito ai pericoli di bere latte crudo) al fine di scongiurare problemi di salute e fastidiosi disturbi gastrointestinali.

Inoltre il latte scaduto – che ovviamente non deve diventare muffa – può essere utilizzato anche per produrre formaggi freschi in casa o per realizzare delle maschere viso nutrienti, insieme alla banana o all’albicocca, da lasciare in posa per 15 minuti circa.

Un’altra alternativa cosmetica è quella di sostituire il latte detergente con quello scaduto in caso di necessità: il make up verrà rimosso comunque e la pelle sarà detersa.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti