Qual è la vera origine e il significato di "Hakuna Matata"

Vi siete mai chiesti qual è il significato di Hakuna Matata? Scopriamo l'origine di questa frase africana (che non è solo la canzone del Re Leone).

1 Novembre 2023
Giuseppe Guarino

Giuseppe Guarino

Giornalista

Ph(D) in Diritto Comparato e processi di integrazione e attivo nel campo della ricerca, in particolare sulla Storia contemporanea di America Latina e Spagna. Collabora con numerose testate ed è presidente dell'Associazione Culturale "La Biblioteca del Sannio".

Fonte: 123RF

Hakuna Matata \ Ma che dolce poesia \ Hakuna Matata \ Tutta frenesia \ Senza pensieri la tua vita sarà \ Chi vorrà vivrà in libertà \ Hakuna Matata”. L’avete letta cantando o state mentendo. “Hakuna Matata” è una frase che deriva dalla lingua swahili, diffusa in gran parte dell’Africa orientale, centrale e meridionale. Qualche anno fa l’esperessione è diventata molto popolare grazie a un film animato della Disney, che ne aveva fatto la canzone portante… Ma qual è la storia che si cela dietro questa frase? E qual è il suo vero significato in lingua italiana?

Cosa vuol dire in italiano Hakuna Matata?

Andiamo con ordine e partiamo dal principio. Se vogliamo scoprire il vero significato di “Hakuna Matata” in lingua italiana, possiamo cogliere alcune sfumature di semplicità e tranquillità che si fondono in un’unica espressione rassicurante. Una frase “mantra”, da ripetere per stare meglio.

Sì, perché “Hakuna Matata” è traducibile come “non ci sono problemi” o “senza pensieri“, cogliendo l’essenza di una prospettiva di vita positiva e spensierata.

Praticamente, è un invito ad abbracciare un modo di vivere privo di ansie e tormenti, ispirandosi invece ad un approccio rilassato e sereno di fronte alle sfide della vita.

Scopri anche:– La toccante reazione del cane alla morte di Mufasa del Re Leone

In quale film Disney si canta Hakuna Matata?

Il concetto di “Hakuna Matata” ha raggiunto l’apice della sua celebrità, almeno in Occidente, attraverso un film animato della Disney risalente al 1994, ovvero “Il Re Leone” (in originale, The Lion King).

Il film è talmente bello che ha catturato l’immaginazione di milioni di spettatori in tutto il mondo. È proprio al suo interno che, in una delle scene più memorabili, i personaggi di Timon e Pumbaa, un suricato e un facocero, intrattengono il giovane protagonista, Simba, con la loro contagiosa filosofia di vita, ovvero “Hakuna Matata“, messa in musica da Elton John su testo di Tim Rice. Questo mantra diventa un inno di speranza e ottimismo, incoraggiando Simba a liberarsi del peso del passato e ad abbracciare con gioia e fiducia il momento presente.

La rappresentazione affettuosa di Timon e Pumbaa come mentori di Simba nella ricerca della felicità e della libertà da preoccupazioni è diventata un momento iconico nel mondo dell’animazione, toccando il cuore di molte generazioni, anche grazie al remake in CGI del film risalente al 2019. La saggezza intrinseca del concetto di “Hakuna Matata” è trasmetta con leggerezza e un buona dose di umorismo, ed è pertanto in grado di fornire un’importante lezione di vita che rimane incisa nella memoria degli spettatori di ogni età.

Hakuna Matata, la polemica sul marchio registrato da Disney

Nonostante la popolarità consolidata del motto “Hakuna Matata” come una vera e propria icona culturale, la sua trasformazione in un marchio registrato da parte della Disney nel 2003 ha scatenato una serie di controversie e dibattiti che sono diventati celebri sia in rete che al di fuori di questo contesto.

Recentemente, diverse personalità hanno sollevato questioni sul diritto della Disney di monopolizzare una frase ampiamente diffusa in molte regioni di lingua swahili. L’attivista dello Zimbabwe, Shelton Mpala, ha guidato una petizione online per sottolineare l’illegittimità della registrazione da parte del gigante cinematografico. Nell’appello, Mpala ha enfatizzato il fatto che la locuzione “Hakuna Matata” è in realtà parte integrante del patrimonio linguistico e culturale di paesi come Tanzania, Kenya, Uganda, Rwanda, Burundi, Mozambico e Repubblica Democratica del Congo. Proprio per questo motivo, tramite la sua attività ha tentato di ribadire che che la Disney non può rivendicare come sua un’espressione che esiste da secoli, sostenendo che la sua registrazione sia una forma di sfruttamento culturale. Una vera e propria appropriazione indebita.

Ma c’è qualcun altro che non ha gradito affatto il desiderio della Disney. Stiamo parlando del gruppo musicale keniota Them Mushrooms, che ha espresso l’intenzione di intraprendere azioni legali contro la casa di Topolino. I musicisti sostengono infatti di aver contribuito in modo significativo alla diffusione della locuzione “Hakuna Matata” ben prima rispetto al Re Leone. Lo hanno fatto attraverso la loro celebre canzone del 1980 “Jambo Bwana“, la cui uscita precede di 14 anni la colonna sonora del film animato. La canzone è stata anche interpretata da altri artisti noti come i Boney M, consolidando ulteriormente l’uso e la popolarità dell’espressione.

Perché Hakuna Matata ha avuto tanto successo?

L’incredibile successo di “Hakuna Matata” può essere attribuito a una combinazione di elementi unici che hanno contribuito alla sua popolarità duratura. La sua inclusione nel film “Il Re Leone” ha svolto un ruolo significativo nel consolidarne l’appeal universale (oltre che nel diffondere la frase come modo di dire in tutto il mondo).

Nonostante non abbia vinto l’Oscar per la migliore canzone, come il brano “Can You Feel the Love Tonight” contenuto nello stesso film, “Hakuna Matata” è entrata di diritto nell’immaginario collettivo di milioni di spettatori in tutto il mondo, divenendo uno dei brani di maggior successo nella storia del cinema.

L’incontro tra il paroliere Tim Rice e il celebre artista britannico Elton John ha portato alla creazione di un’intera serie di canzoni iconiche per il film, compreso il brano spensierato e coinvolgente di cui stiamo parlando in questo articolo. Di sicuro, la loro collaborazione è stata in grado di dare vita a un’esperienza musicale coinvolgente, nella quale si è creato un vero e proprio legame emotivo con il pubblico di tutte le età. Sarà stato forse questo a trasformare il film in un evento culturale senza precedenti.

L’album della colonna sonora originale, che includeva altre canzoni memorabili come “Il cerchio della vita” (in originale “Circle of life”), “Voglio diventare presto un re” (in originale “I just can’t wait to be King”), “Sarò re” (in originale “Be prepared”) e “L’amore è nell’aria stasera” (in originale “Can you feel the love tonight”), ha subito conquistato un pubblico incredibilmente vasto. Il disco divenne il quarto album più venduto del 1994 secondo la classifica Billboard 200. La sua ascesa al titolo di colonna sonora più venduta della storia ha sottolineato l’incredibile impatto culturale del film e ha attestato la potenza duratura delle sue canzoni coinvolgenti. Infatti, quella del Re Leone è l’unica colonna sonora ad essere diventata disco di diamante. E forse qualche merito lo avrà anche “Hakuna Matata”.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti