Ottocentomila bottiglie di plastica diventano un albergo

Raccolte lungo le spiagge della Costa d’Avorio, ottocentomila bottiglie di plastica sono state riutilizzate per costruire una struttura alberghiera.

4 Maggio 2021
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!

Sono ben ottocentomila le bottiglie di plastica che hanno permesso di costruire ‘L’île flottante’, nome evocativo per un albergo speciale. La struttura si trova al centro della laguna ad Abidjan, in Costa d’Avorio, ed è il risultato di un progetto che vuole denunciare l’inquinamento delle acque. A costituire ogni elemento di questo albergo insolito sono, infatti, elementi plastici che sono stati recuperati per diventare simbolo di un turismo più attento.

Siamo purtroppo abituati, anche alle nostre latitudini, ai rifiuti dispersi lungo le coste e nei mari, un problema annoso sempre più preoccupante. Non solo le plastiche e le microplastiche inquinano le acque ma possono avvelenare gli animali che la popolano ed entrare anche nella catena alimentare umana. Finendo sulle nostre tavole, a migliaia di chilometri di distanza.

‘L’île flottante’ serve anche a questo, a dare un segnale di impegno per l’ecologia ed essere monito concreto per i turisti e non solo. Non si tratta del primo progetto di questo tipo ma certamente l’albergo di Abidjan è unico nel suo genere. L’idea è partita dall’estro del francese Eric Becker, imprenditore particolarmente sensibile alle tematiche ambientaliste ma anche lungimirante nel tesaurizzare materiali di scarto

L’uomo, infatti, ha visto nell’avanzata dei rifiuti lungo i litorali un’occasione di guadagno e ha valutato il riutilizzo degli stessi. Così, raccogliere le plastiche che si accumulavano ha ripulito una parte delle spiagge e ha permesso di edificare il primo albergo completamente in plastica riciclata. ‘L’île flottante’ si trova nel lago Ébrié e le sue stanze sono realizzate con le bottiglie di plastica recuperate anche lungo le sponde dello stesso lago.

L’elettricità è prodotta grazie ai pannelli solari posizionati nella struttura e il ristorante serve solo piatti della cucina locale. Al momento, l’hotel può ospitare un centinaio di clienti ogni settimana (turisti ma anche molti abitanti del posto incuriositi). Il costo? Circa 15mila franchi CFA al giorno (22 euro circa) a persona – pasto e traghetto compresi – mente per trascorrere la notte occorrono 60mila franchi CFA (90 euro circa).

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti