Parroco suona troppo forte le campane, multa da 1000 euro

Il parroco suonava troppo forte le campane e per lui, dopo una denuncia, è arrivata una maxi multa da 1000 euro

Le campane suonavano troppo forte e il parroco si è ritrovato una multa da 1000 euro. Accade a Galciana, piccola frazione di Prato, dove Don Luca Rosati si è visto recapitare una maxi multa a causa delle campane della chiesa. In questo paesino di quasi 10 mila abitanti l’Arpat, l’Agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana, ha ricevuto una segnalazione riguardo i decibel troppo alti delle campane della parrocchia. I tecnici dell’Arpat hanno compiuto i dovuti controlli e i rilievi hanno dato un esito inaspettato, facendo scattare la multa nei confronti della chiesa e del parroco Don Luca Rosati, che ora dovrà pagare 1.032 euro entro 60 giorni.

L’Arpat non ha solo consegnato la multa al parroco, ma gli ha anche imposto di silenziare le campane della parrocchia dalle 22 alle 6. “Si comincia dalle campane, si finirà con le croci e le messe” ha commentato Padre Gabriele, sacerdote che assiste don Luca nella chiesa di San Pietro.

Non è ancora chiaro da chi sia partita la segnalazione. Secondo alcune fonti a chiamare l’Arpat sarebbero stati alcuni inquilini di un condominio che dista circa cinquecento metri dalla parrocchia. Si tratta di una giovane coppia che più di una volta si era lamentata del rumore delle campane.

“Quel vecchio campanile – ha spiegato padre Gabriele – suona ad ogni ora da 130 anni, ma è la prima volta che succede una cosa del genere, che qualcuno protesta ufficialmente. Non so come finirà ma si tratta di brutti segnali”. Al momento Don Luca Rosati avrebbe deciso di sospendere il suono delle campane, ma continueranno a suonare di sicuro in occasione delle funzioni religione, per richiamare i fedeli in chiesa. Non è ancora chiaro se il parroco deciderà di fare ricorso alla multa, se la pagherà senza colpo ferire oppure se chiederà alla coppia infastidita di giungere ad un accordo.

Contenuti sponsorizzati

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti