Perchè febbraio ha 28 giorni in luogo di 30?

Ecco le origini che si celano dietro il mese di febbraio e che ci spiegano come esso possa avere 28 giorni e non 30 come gli altri mesi

Fonte: Pixabay

Con febbraio inizia uno dei mesi dell’anno più stravaganti per diverse ragioni: innanzitutto perché è un mese che, come tutti ben sanno, ogni 4 anni varia i giorni di cui è composto (negli anni bisestili ovviamente) ma soprattutto perché è composto da soli 28 giorni e non da 30 o 31 come la totalità degli altri mesi dell’anno. Ma da cosa deriva questa differenza rispetto alla struttura degli altri 11 mesi? Ecco alcune interessanti particolari per svelare il mistero che si cela dietro tale strana divergenza.

L’impero romano e la struttura di febbraio

Per fare luce sulla tortuosa storia che si cela dietro al mese di febbraio dobbiamo gettare le basi del nostro discorso partendo addirittura dalle origini di quella che era prima una sorta di città-stato e che poi diventerà una repubblica florida e successivamente un impero: parliamo ovviamente di Roma e il racconto prende le mosse dal periodo dei sette famosi re di Roma per arrivare fino ai primi principati.

Nel particolare parliamo di Numa Pompilio, secondo sovrano in ordine cronologico secondo la leggenda che aleggia attorno all’ascesa di Roma; durante il suo regno febbraio sarebbe stato l’ultimo mese dell’anno, composto da 29 giorni e ogni quattro anni da 30. Successivamente, nell’8 a.c. il Senato stabilì di assegnare il nome Augustus (agosto) al mese di Sextilis che aveva 30 giorni, per onorare uno dei più importanti e famosi imperatori (anche se all’epoca parliamo ancora di princeps) che Roma abbia mai avuto: Ottaviano Augusto.

La disparità tra luglio e agosto all’origine dell’arcano

Vicino al mese di agosto c’era però Julis (luglio) il cui nome era stato attribuito con un’operazione simile in nome di Giulio Cesare: il mese era però di 31 giorni e per non creare disparità tra le due eccezionali figure febbraio (come detto ultimo mese dell’anno a quei tempi) fu privato di un giorno, così da scendere da 29 a 28 giorni e da 30 a 29 ogni 4 anni.

La presenza del cosiddetto anno bisestile invece ha una spiegazione astronomica precisa:  la terra per compiere un giro completo attorno al sole impiega 365 giorni e 6 ore. Un anno solare è quindi di 365 giorni ma vi sono 6 ore in eccesso che per tale ragione ogni 4 anni danno vita a un altro giorno che si aggiunge al mese più corto in assoluto, appunto febbraio.

TAG:

Contenuti sponsorizzati

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti