7, 23, 29, 21, 40, 44, 50 trend

Pioggia di diamanti su Urano e Nettuno: la scoperta

Stando all’analisi dei dati a disposizione, la composizione dei pianeti porterebbe alla formazione ciclica di diamanti.

15 Gennaio 2022
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!

Se i diamanti sono i migliori amici di una ragazza, come vuole un celebre ritornello, allora ci sono due pianeti che ne sarebbero il paradiso. Di quelli in cui una donna non si sentirebbe mai sola. Lasciando le mode e passando alla scienza, su Urano e Nettuno ‘piovono’ diamanti. Rispetto ad altri pianeti del sistema solare, infatti, a prevalenza gassosa, i due citati hanno una composizione ben diversa.

Composti prevalentemente di acqua, metano e ammoniaca, questa sostanza diventa sempre meno compatta spostandosi verso la superficie. La sua esatta costituzione non è del tutto chiara dal momento che il nucleo non è stato studiato in maniera precisa. Basti dire che le informazioni più recenti risalgono a tre decenni fa, con i limiti che le tecnologie del tempo avevano. Allora, la sonda Voyager 2 si era avvicinata all’esterno del sistema ma nulla di più.

Sulla base dei dati a disposizione, analizzati con i metodi di oggi, emerge la possibilità che su Urano e Nettuno ci siano costanti piogge di diamanti. Come spiega esquire.com, questi pianeti avrebbero al loro interno una temperatura superiore ai seimila gradi Celsius (6.727 °C, a essere precisi) ma in superficie sono estremamente freddi. La pressione, inoltre, è sei volte superiore a quella della Terra.

In tali condizioni, ammoniaca, metano e acqua normalmente reagiscono liberando molecole di carbonio che, combinandosi, fra loro secondo cristalli costituiscono i diamanti. Una volta formatisi, questi ricadono verso il basso, attraversando quindi gli strati più profondi del pianeta. E con l’aumentare delle temperature finiscono per vaporizzarsi, in un continuo processo che si ripete all’infinito.

Non va certo immaginata come una piacevole spruzzata di cristalli nevosi da cui ci si può lasciar colpire per divertimento. In attesa di ulteriori conferme, però, ci piace immaginare questa pioggia di diamanti che Marylin Monroe amerebbe senza dubbio alla follia.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti