Pulire l'argento con l'alluminio: il trucco che forse non conosci

Non rimandate più il momento delle grandi pulizie e iniziate con l’argenteria: ecco come farla tornare agli antichi splendori

17 Aprile 2020
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!

Pulire l’argento è un compito che non piace a nessuno, ma ogni tanto va fatto soprattutto perché, col passare del tempo, si rischia di peggiorare la situazione e posate, vasi e chincaglieria varia faticheranno ancor di più a tornare lucidi come un tempo. Esistono in commercio diversi prodotti ideati per trattare l’argento e renderlo nuovamente brillante, tuttavia se siete amanti del fai da te e volete risparmiare qualche soldo, c’è una soluzione davvero facilissima e anche alla portata dei meno esperti che promette risultati eccezionali.

Di cosa avete bisogno per pulire l’argento? Un po’ di carta di alluminio, di sale grosso da cucina e bicarbonato di sodio: conosciamo benissimo le potenzialità di questo ingrediente, che viene impiegato per igienizzare la doccia (ecco come fare in casa un detergente per avere vetri della doccia brillanti), per rendere i denti più bianchi e anche semplicemente per digerire (qui tutti gli usi più impensabili del bicarbonato), tuttavia vi consigliamo di non sottovalutare quelle dell’alluminio.

Se per la cottura dei cibi è bene usarlo insieme alla carta forno (ecco i motivi per salvaguardare la nostra salute), per quanto riguarda l’argento, non corriamo pericoli: basta rivestire una bacinella capiente di fogli di alluminio, versarvi dell’acqua che avrete precedentemente fatto bollire, aggiungere un cucchiaio di bicarbonato e uno di sale per ogni litro e immergere la posateria, le cornici, vecchi braccialetti e ogni altro utensile d’argento. È importante che ogni oggetto sia a contatto diretto con la carta di alluminio affinché si inneschi il processo.

Dopo 60 minuti, bisognerà asciugare il tutto con un panno morbido: la reazione che avviene tra l’alluminio, il sale da cucina e il bicarbonato – conosciuta come elettrolisi –  porterà a trasformare l’argento annerito presente sulla superficie da trattare in argento metallico che sarà così di nuovo lucido.

Fateci sapere se conoscete altri metodi per pulire l’argenteria e soprattutto come vi siete trovati con il modo che vi abbiamo suggerito in questo articolo!

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti