Quando mangi l'insalata non commettere questi errori

L'insalata è un piatto potenzialmente light, ma bisogna vedere come condirla e come accompagnarla per renderla veramente salutare

Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!

Siamo tutti convinti che l’insalata sia quanto di più dietetico possiamo mangiare, in casa e fuori: ma è veramente così? La risposta è: dipende, da molti fattori.

Se ordiniamo l’insalata in un ristorante, è probabile che sarà piuttosto ben condita e che oltre all’olio di oliva venga usato condimento in salsa o il cosiddetto dressing, che può essere più o meno grasso ma non è mai light. Stessa cosa, probabilmente peggio, se ordiniamo l’insalata in un fast food: tra pollo fritto, pancetta e condimento, si arriva tranquillamente alle stesse calorie di un panino.

Possiamo sempre ripiegare su un’insalata fatta in casa: in questo caso abbiamo maggiori possibilità di mangiare un piatto sano, ma dobbiamo sempre fare attenzione a cosa mettiamo nel piatto. Anche in questo caso, occhio ai condimenti: l’olio va bene, ma non si deve eccedere oltre il cucchiaio, e altro genere di condimenti in salsa andrebbero banditi. L’insalata ideale è composta da cipolla, spezie, pomodori, peperoni e verdure a foglia a vostro piacere, condita con aceto balsamico e olio EVO.

Se lo gradite, potete aggiungere delle proteine alla vostra insalata ma, ahimè, non devono essere croccanti: niente carne o pesce fritti e niente pancetta. Via libera invece pollo alla piastra e ai gamberetti

Niente pane, di nessun tipo, che appesantirebbe la vostra insalata dal punto di vista calorico, ma invece via libera ai grassi sani, che possono provenire da frutta secca (noci, semi), avocado o formaggio, anche stagionato (ad esempio scaglie di parmigiano) ma in piccole quantità.

Secondo una recente ricerca, infatti, i nutrienti contenuti nelle verdure crude possono essere completamente assorbiti dall’organismo solo se consumati insieme ad almeno sei grammi di grasso aggiunto: ovviamente parliamo di grassi sani, che oltre a quelli elencati potrebbero essere uovo sodo, olive al naturale, tonno e salmone.

La vostra insalata ideale è quindi pronta: può essere un buon piatto unico e meritarsi appieno il titolo di pietanza dietetica e nutriente!

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti