Riempire troppo il frigo è un errore enorme. Il motivo

Poteste ritrovarvi con una bolletta salatissima o con del cibo rovinato: ecco perchè e come evitarlo

Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!

Usare il frigorifero sembra piuttosto semplice, eppure l’errore è sempre dietro l’angolo e a volte potrebbe costarci decisamente caro: ad esempio, una intossicazione alimentare oppure una bolletta dell’energia elettrica molto più pesante.

Vediamo quindi quali sono gli errori più comuni che, ingenuamente e inconsapevolmente, facciamo con il nostro frigorifero: il primo è quello di riempirlo troppo o troppo poco. In tutti e due i casi, rischiamo che gli elementi contenuti nel frigo non si raffreddino adeguatamente: se è troppo pieno, circolerà poca aria all’interno della macchina, che dovrà lavorare a regime più alto per garantire una temperatura omogenea. Inoltre cibo affastellato nel frigorifero potrebbe coprire qualche presa d’aria interna e aggravare il problema: consumeremo più energia e non è detto che la macchina riuscirà a raffreddare proprio tutto quello che contiene, con il poco simpatico effetto collaterale di trovare qualche alimento deteriorato.

Ma se lasciamo il frigorifero semi-vuoto, l’effetto negativo è praticamente lo stesso: uno degli elementi che contribuisce al raffreddamento è anche la bassa temperatura degli oggetti contenuti, che mantengono stabile l’atmosfera. Se un intero frigorifero contiene una mela e una bottiglia d’acqua, dovrà lavorare il doppio per mantenere la temperatura richiesta.

Un altro errore che praticamente tutti facciamo è quello di posizionare alimenti che avrebbero bisogno di temperatura stabile in una zona del frigo che invece non lo è: lo sportello di apertura. Sullo sportello vengono di solito messe le bottiglie, comprese quelle del latte, e le uova, nel loro pratico porta-uova. Sbagliato, perchè entrambe gli alimenti hanno bisogno di temperatura stabile e moderatamente bassa: per loro l’ideale potrebbe essere uno degli scaffali di mezzo, dove non è freddissimo, in una zona interna, dove ci sono pochi sbalzi termici.

Sullo sportellone possiamo continuare a tenere acqua, succhi di frutta, condimenti e burro, che hanno bisogno solo di leggera refrigerazione.

Ricordiamo inoltre che il frigorifero va lavato a fondo almeno una volta al mese e che gli alimenti crudi vanno sempre tenuti a debita distanza da quelli cotti: se vi state chiedendo a che temperatura potete inserire gli avanzi nel frigo, qui troverete la risposta che cercate.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti