Shopping online a rate: la penale altissima se non paghi in tempo

Avete mai visto la formula "paga in tre rate" sui siti di shopping online? Fate attenzione: ecco cosa succede se non si paga in tempo.

22 Gennaio 2024
Giuseppe Guarino

Giuseppe Guarino

Giornalista

Ph(D) in Diritto Comparato e processi di integrazione e attivo nel campo della ricerca, in particolare sulla Storia contemporanea di America Latina e Spagna. Collabora con numerose testate ed è presidente dell'Associazione Culturale "La Biblioteca del Sannio".

Sul web, la pratica di “pagare in 3 rate” o “Buy now pay later” è sempre più diffusa, in quanto offre un’opzione comoda per gli acquisti online. A tutti sarà capitato di averla utilizzata o perlomeno vista di sfuggita su qualche webstore. A occhio sembra un affare, una possibilità di dilazionare una spesa senza pagare alcun interesse. Tuttavia, dietro a questa comodità si celano una serie di notevoli rischi che dovremmo non prendere proprio alla leggera. Andiamo dunque a scoprire cosa si nasconde dietro il fenomeno delle mini-rate online, i servizi che lo offrono e le penalità significative che possono scattare in caso di ritardo nei pagamenti.

Buy now pay later: come funzionano le mini-rate per lo shopping online

La possibilità di acquistare online e pagare in più rate sta guadagnando sempre più popolarità, soprattutto tra i giovani che, per ovvi motivi, spesso sono a corto di liquidità. Secondo il Global Payment Record del 2022, più di 17 milioni di acquisti in Italia sono stati effettuati utilizzando questo sistema. La pratica, nota come “Buy now pay later” consente ai consumatori di dilazionare il pagamento in tre rate, senza applicazione di interessi, ma con l’aggiunta di microcommissioni.

Diverse società e piattaforme di pagamento, tra cui Scalapay, PayPal e Apple Pay Later, offrono questa opzione, spesso in partnership con importanti siti di e-commerce. La facilità di accesso a questo tipo di servizio è disarmante e poco ha a che fare con il credito tradizionale: non vi sono controlli preventivi né richieste di garanzie, oltre ai dati personali e i dettagli della carta di credito. Insomma, non è complicato né macchinoso come chiedere un prestito ad una banca o a una società finanziaria, ma è al contrario piuttosto immediato e basta un solo click.

Uno degli aspetti attraenti di questi pagamenti dilazionati è la completa assenza di interessi. Tuttavia, ci sono alcune microcommissioni da considerare. Queste commissioni, sebbene siano di importo ridotto, contribuiscono a coprire i costi del servizio. Ma non è tutto.

Scopri anche:– Abbigliamento, 5 capi da non acquistare mai online: il motivo

Cosa succede se non si paga in tempo una delle rate di un acquisto “buy now pay later”

L’elemento più critico da tenere a mente quando si opta per gli acquisti a rate online sono le penali per i pagamenti ritardati. In caso di mancato pagamento di una delle tre rate, la questione passa spesso direttamente in mano alle società di recupero crediti.

Le penali applicate variano da 3 a 12 euro per ogni pagamento in ritardo, a seconda del valore del prestito, con interessi di mora che possono raggiungere il 25% dell’importo totale dell’ordine.

Certe società di pagamento, inoltre, bloccano gli account di quegli utenti che non hanno pagato in tempo.

Insomma, il nostro consiglio è quello di fare sempre attenzione a scegliere la formula del “paga in 3 rate” e, soprattutto, a essere certi di riuscire a coprire le rate in tempo, anche per non ritrovarsi sul groppone delle spiacevoli sorprese. E, soprattutto, per non vanificare eventuali sforzi e risparmi che gli acquisti online solitamente ci offrono.

Scopri anche:– Amazon, come acquistare sempre al prezzo più basso

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti