Taco 'cucinato' nello spazio con peperoncini coltivati in orbita

Un esperimento delicato ma decisamente riuscito per il primo taco che lo spazio abbia mai visto

5 Novembre 2021
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi piĆ¹ alti!
Fonte: 123rf

I taco arrivano nello spazio. In senso letterale. È successo grazie al grandioso laoro portato a termine di recente sulla Stazione Spaziale Internazionale dove gli astronauti sono riusciti a coltivare peperoncini in assenza di peso.

L’astronauta Megan McArthur ha parlato di questa esaltante esperienza in un tweet con tanto di foto per testimoniare che l’esperimento è riuscito: peperoncini verdi e rossi sono stati assaggiati e addirittura assemblati nel primo taco che lo spazio abbia mai visto, come riporta il sito Esquire.com.

“L’indagine ha comportato l’analisi microbica per migliorare la comprensione delle interazioni pianta-microbo nello spazio e la valutazione da parte dell’equipaggio del sapore, della consistenza e della nutrizione dei primi peperoni coltivati ​​nello spazio”, ha affermato la NASA in una dichiarazione.

I peperoni sono “più difficili da coltivare rispetto a molte possibili colture spaziali perché impiegano più tempo per germogliare, crescere e sviluppare i frutti”, ha aggiunto e bisogna dire che effettivamente è stato un esperimento particolarmente delicato e impegnativo.

I peperoncini non sono il primo cibo coltivato in orbita: fino ad ora la NASA ha coltivato cavolo cinese, tre tipi di lattuga, cavolo rosso russo e fiori di zinnia. D’altronde se vogliamo riuscire a sopravvivere su altri mondi in modo autosufficiente questi sono enormi passi avanti.

I taco sono delle tortilla messicane piegate su loro stesse, fatte con farina di mais o di frumento, contenenti condimenti di vari tipi. Esistono due tipi di taco ben distinti, come riporta Wikipedia.it. Il taco tradizionale messicano utilizza tortilla di mais o di frumento morbide, unte nel sugo del ripieno e scaldate brevemente, mentre quelle comuni in altri paesi usano tortilla fritte al punto da essere croccanti (hard shell tacos), preparate industrialmente e vendute nei supermercati, spesso come parte di un pacchetto comprendente gli altri ingredienti necessari. I taco con le tortilla croccanti non vengono considerati come “messicani” in Messico, ma piuttosto un’invenzione tex-mex.

Anche il ripieno è differente. In Messico i veri taco vengono preparati con carne cotta in vari modi (è spesso usata quella di manzo), pesce, queso fundido (formaggio fuso), cipolla cruda, salsa di chili verde piccante, insalata e soprattutto limone verde e foglie di coriandolo (cilantro). Spesso vi si aggiunge crema (panna acida), Pico de gallo, guacamole.

I taco “tex-mex” hanno un ripieno più standardizzato che consiste di carne macinata cotta in spezie considerate “messicane”, formaggio grattugiato, pezzetti di pomodoro crudo, lattuga e salsa di pomodoro più o meno piccante.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti