Twitter, la storia di Ale Vans e perché ricorda Mark Caltagirone

Su Twitter spopola l'hashtag Ale Vans: un'utente avrebbe inventato un incontro con un commesso (e il web ha risposto con provocazioni e ironia)

6 Agosto 2020
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!
Fonte: 123RF

Nelle ultime ore potrebbe esservi capitato di aprire Twitter e imbattervi in commenti sulla storia di Ale Vans, diventata – per molti – la versione social di Mark Caltagirone. Se già il nome di Mark Caltagirone potrebbe far suonare qualche campanello, vi raccontiamo noi – nel dettaglio – la storia di ‘Ale Vans’ (o meglio, la non storia).

Un’utente di Twitter nei giorni scorsi ha infatti raccontato del suo incontro con un commesso di un negozio Vans. Un incontro che, sembra, sia finito molto bene almeno a giudicare dalle immagini pubblicate su Twitter.

“A tutte le persone che dicono che i ragazzi ricci sono sopravvalutati… vorrei tanto mostrare una foto del commesso della Vans che ho appena visto, seriamente raga non potete nemmeno immaginare”. A questo tweet ne è seguito un altro con tanto di due foto a corredo. “Ieri sono tornata in negozio per cambiare la maglia di mio fratello e il ragazzo mi ha riconosciuta dal giorno prima – scrive ancora l’utente – mi ha salutato, abbiamo parlato un po’ e alla fine mi ha lasciato il suo numero sullo scontrino. Ora gli ho scritto, ancora non ci credo sono emozionatissima”. Le due foto pubblicate dalla ragazza sono lo scontrino del negozio (con il nome del commesso, Ale, e il numero di telefono) e lo screenshot della chat con Ale Vans (appunto) in cui la ragazza sembra aver fatto la prima mossa scrivendo: “Hey, sono la ragazza con la mascherina lilla di ieri! Ho visto il tuo numero sullo scontrino e volevo chiederti se ti andrebbe di uscire qualche volta”.

Proprio lo screenshot ha iniziato però a destare sospetti tra gli utenti di Twitter, perché molti non hanno potuto non notare le ‘stranezze’ nella foto profilo del ragazzo e gli orari che non coincidevano, arrivando alla conclusione che la ragazza avesse creato una chat ‘finta’ e scritto in realtà a se stessa. Da qui al paragone con Mark Caltagirone il passo è stato breve. E l’ironia del web non si è risparmiata tra meme e tentativi di conquista dell’ormai celebre Ale Vans.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti