0, 0, 1, 0, 0, 0, 0 trend

UFO, Einstein studiò 5 cadaveri di alieni: ecco come apparivano

Einstein, il viaggio segreto a Roswell dopo lo schianto dell’UFO nel 1947: ecco come descrisse i cadaveri di 5 extraterrestri tenuti nell'Area 51

5 Ottobre 2021
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!
Fonte: Getty Images

Appassionati di mondi alieni, ufo, navicelle spaziali e Area 51 sappiate che Albert Einstein ebbe la fortuna – come riporta il Sun – di assistere all’autopsia di 5 cadaveri di extraterrestri. Il tabloid inglese ha riportato le parole dell’ex assistente del genio tedesco che in quell’occasione lo seguì in un viaggio top secret alla volta del New Mexico.

La dr.ssa Shirley Wright poco prima della sua morte nel 2015, all’età di 85 anni, ha accettato di essere intervistata dalla cacciatrice di UFO Sheila Franklin svelando il segreto che ha custodito per 60 anni circa. La donna, infatti, ricevette l’ordine di non rivelare mai a nessuno del viaggio effettuato insieme ad Einstein, né tantomeno di ciò che aveva visto e sentito.

LEGGI ANCHE: >>  L’Artico si sta sciogliendo: la ‘bomba’ con scorie radioattive e virus mai studiati

Secondo i ricordi dell’allora dottoranda in Chimica e Fisica all’Università di Princeton, Einstein si trovò ad osservare e studiare la navicella che si schiantò nel 1947 nel deserto del New Mexico: rimase impressionato dal sistema di propulsione e dal tipo di materiale usato per la copertura esterna. Ancor più incredibili, poi, le parole sui corpi di cinque extraterrestri che il fisico – convinto sostenitore dell’esistenza di mondi alieni – poté ammirare.

“A me sembravano tutti uguali tutti e cinque. Erano alti circa un metro e mezzo, senza capelli, con grandi teste ed enormi occhi scuri, e la loro pelle era grigia con una leggera sfumatura verdastra. Per la maggior parte i loro corpi non erano esposti, essendo vestiti con abiti attillati. Ma ho sentito che non avevano ombelico o genitali”.

Albert Einstein, famoso per la sua teoria della relatività, aveva affermato nel 1920: “Ci sono tutte le ragioni per credere che Marte e altri pianeti siano abitati. Perché la Terra dovrebbe essere l’unico pianeta che sostiene la vita umana? Non è singolare sotto nessun altro aspetto”.

Ad un secolo di distanza da queste parole, il mistero continua e il punto interrogativo posto dallo scienziato non è stato ancora risolto.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti