Allo zoo di Londra nasce una tigre di Sumatra: l'evento rarissimo

Un cucciolo di tigre di Sumatra è nato allo zoo di Londra: un evento eccezionale nella protezione di una delle specie più rare al mondo

5 Gennaio 2022
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!
Fonte: ANSA

Lo scorso 12 dicembre, allo zoo di Londra si è celebrato un momento estremamente raro, un piccolo miracolo della natura: la nascita di una tigre di Sumatra, una delle specie più minacciate al mondo e a serio rischio di estinzione. Sono anni infatti che, nell’intero pianeta, gli sforzi per preservare questa sottospecie di tigre si stanno moltiplicando. Ed è per questo che quello che è accaduto in Inghilterra ha quasi dell’eccezionale, anche perché è stato tutto completamente filmato.

In un video diffuso sul web, infatti, si vede Gaysha, un esemplare di tigre di Sumatra dell’età di dieci anni, che accudisce un cucciolo appena venuto al mondo, coccolandolo e pulendolo a poche ore dalla sua nascita. Addirittura, si riesce a vedere il piccolo che prova a muovere i suoi primi passi, inciampando e traballando, in un momento estremamente tenero e toccante.

Non è poca cosa, anche perché fino a che non gli saranno somministrate le prime vaccinazioni, il cucciolo rimarrà nascosto nella sua tana e, fino ad allora, non se ne conoscerà neppure il sesso. Gli stessi interventi dei veterinari e dei custodi dello zoo sono limitati al minimo indispensabile, anche per fare in modo che si consolidi il legame tra il piccolo e la madre.

Sono pochissimi gli esemplari di tigre di Sumatra rimasti in natura, con le stime che suggeriscono un numero approssimativo di sole 300 unità. Cifre che ne fanno la sottospecie di tigre più rara e, di certo, quella più minacciata.

Le autorità dello zoo londinese, però, fanno sapere che il cucciolo sta bene, è in salute ed è al momento affidato alle cure più sicure che può avere: quelle della mamma. Un risultato straordinario in ogni caso, frutto degli sforzi globali di chi, giorno per giorno, lotta per conservare l’immensa biodiversità che il nostro pianeta ci ha regalato e che dobbiamo imparare a curare e a proteggere sempre di più.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti