1, 0, 0, 0, 0, 0, 0 trend

6 probabili cause dei tuoi brutti sogni

I brutti sogni, se ricorrenti, non sono mai casuali, ma più probabilmente sono dovuti a fattori esterni. Ecco qualche possibile causa

Fonte: Pixabay

Capita a tutti, qualche volta, di fare brutti sogni. Ma, se gli incubi sono ricorrenti e la maggior parte delle nostre notti di sonno sono popolate da immagini spaventose, angoscianti o negative, probabilmente qualcosa non va. La causa di ciò va ricercata nelle nostre abitudini e per questo motivo vogliamo proporvi una lista dei sei possibili motivi che spingono a fare brutti sogni.

La prima causa potrebbe essere una cena troppo abbondante. Non è solo un detto popolare quello secondo cui gli incubi sono dovuti all’aver ‘mangiato pesante’. Piatti speziati o una cena eccessiva attivano il metabolismo e aumentano l’attività cerebrale: per questo motivo i sogni saranno più tormentati. Non bisognerebbe, quindi, dormire prima che siano passate due ore dalla cena, e la caffeina dovrebbe essere limitata a partire dal pomeriggio.

Dai farmaci agli horror

  1. Alcuni tipi di farmaci. Ci sono medicine che possono interferire con i sogni che facciamo, alterando il livello di neurotrasmettitori del sistema nervoso centrale. I principali sono gli antiparkinsoniani, gli antidepressivi, gli antiipertensivi ad azione centrale e altri sedativi, quali barbiturici e ketamina. Non solo l’assunzione, ma anche l’improvvisa sospensione di certi farmaci può causare incubi.
  2. I film dell’orrore. Deirdre Barrett, docente di psicologia clinica ad Harvard, afferma che tutto ciò che facciamo appena prima di andare a dormire influisce sui nostri sogni. Se quindi l’ultima cosa che vediamo è un film horror o leggiamo un racconto ad alta suspense, il nostro sonno non potrà che essere agitato. È consigliabile, quindi, non andare a dormire subito ma concentrarci prima su pensieri positivi

Sonno, malattie e stress

  1. Il poco sonno. Bisognerebbe dormire un minimo di 6-8 ore a notte. Se questa indicazione non viene rispettata, ciò potrebbe avere conseguenze sul sonno della notte successiva. Infatti, in caso di sonno arretrato, la fase onirica viene prolungata e i sogni risultano più vividi.
  2. Malattie. Incubi frequenti potrebbero essere un campanello d’allarme che indica la presenza di alcune patologie, quali epilessia, ansia, attacchi di panico, depressione, disordine da stress post-traumatico, apnee notturne.
  3. Stress. I sogni prendono spunto dalle preoccupazioni quotidiane. Dunque, se avete una quotidianità eccessivamente stressante, è probabile che ciò si ripercuota sulla qualità dei vostri sogni.

TAG:

Contenuti sponsorizzati

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti