Ami le melanzane? Ecco cosa dovresti sapere prima di mangiarle

La melanzana può essere deliziosa, ma ha anche dei lati oscuri: vediamo quali sono

Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!

La melanzana è un tipico ortaggio estivo molto amato, soprattutto per la varietà di ricette che la coinvolgono, dalla parmigiana ai molti sughi che la vedono come ingrediente principale (avete mai provato questo pesto siciliano?)

Tuttavia, a differenza di molte colleghe verdure, nasconde anche dei “lati oscuri”: ad esempio non è considerata un alimento completo e la sua quantità di proteine, vitamine e sali minerali è irrisoria. Non ha grassi, ma non ha nemmeno nient’altro: per il 92%  è composta di acqua.

Il punto forte della melanzana nella buccia, dove si trova la nasunina, un potente antiossidante che sembra addirittura aumentare le sue capacità con la cottura, necessaria per eliminare invece la solanina, un’antinutriente dannoso per l’organismo (si trova anche nelle patate e bisogna fare molta attenzione).

La melanzana può comunque, anche da cotta, suscitare reazioni allergiche: le molecoli responsabili di queste manifestazioni, di solito a carico di cute e apparato digerente, sono nella buccia e sono resistenti al calore. La melanzana contiene anche istamina, una sostanza che scatena molte allergie (sapete che queste verdure non si possono mangiare crude?)

Infine, il suo ruolo nelle diete dimagranti è controverso: se è vero che la melanzana consumata da sola non contiene grassi, è anche vero che nessuno desidera consumarla così, perchè tende ad essere puttosto insapore. La melanzana è deliziosa quando è cucinata e condita riccamente e assorbe, grazie alla sua spugnosità, tutti i grassi e le calorie che le mancano in natura (qui tutte le ricette per cucinare le melanzane).

Ci sono alcuni trucchetti per rendere le melanzane meno permeabili all’olio: si possono passare tritate al microonde, oppure marinare nel sale o nel latte, per impermeabilizzarle nei soffritti. La soluzione più dietetica resta quella di grigliarle e condirle con poco olio, sale e spezie. Se invece della dieta vi importa poco, allora vi consigliamo di prepararle come verdura ripiena, seguendo questi semplici consigli!

 

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti