Arance rosse o gialle? Quali conviene mangiare

Buonissime e benefiche entrambe, ecco una panoramica sulle caratteristiche dei due tipi di arancia più diffuse

Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!

Le arance sono un frutto delizioso e sempre presente, in inverno, sulle nostre tavole: il periodo in cui abbondano sugli alberi è compreso fra novembre ed aprile, anche se al reparto ortofrutta ci sono praticamente tutto l’anno. Sono tra gli agrumi più coltivati al mondo e l’Italia rappresenta un 3% della coltivazione mondiale, sia per le arance da tavola che per quelle destinate alla trasformazione industriale (sai perchè le arance si vendono nella rete rossa?)

Le qualità principali di arance che sono disponibili in Italia sono le “bionde”, quindi quelle di colore arancione chiaro e di gusto più aspro, e le rosse, che sono effettivamente di colore rossastro e molto più dolci. Fra le arance a polpa bionda più conosciute ed amate ci sono le Valencia, un tipo di arancia primaverile e in generale a maturazione tardiva, che permette a questo frutto di restare dolce e succoso quasi per tutto l’anno; ma anche le Belladonna, particolarmente dolci e ricche di vitamina C; l’arancia siciliana ovale, le Washington Navel, senza semi, e le Newhall. Per quanto riguarda le arance rosse, tra le più conosciute ci sono le amatissime Tarocco, regine delle arance siciliane, ma anche le Sanguinello e le Moro.

Le differenze fra i due tipi di arancia sono da riscontrare, come detto, sia nell’aspetto che nel gusto, ma anche nelle loro caratteristiche organolettiche.

L’arancia bionda è ricca di pectina e cellulosa, aiuta a combattere la stitichezza ed abbonda anche in betacarotene, il precursore della vitamina A che regala al frutto il suo colore ma che aiuta anche la vista e favorisce l’assorbimento del calcio, combattendo l’osteoporosi. L’arancia rossa invece è più ricca di potassio e magnesio ed in generale è più benefica per il cuore grazie al suo apporto di folati, che prevengono l’accumulo di omocisteina. Le arance rosse, inolte, essendo ricche di antocianine, contrastano i radicali liberi, l’accumulo di colesterolo cattivo e i trigliceridi.

Quali arance scegliere per la nostra tavola? Tutte e due le qualità sono buonissime e ricche di vitamine e sali minerali: la decisione finale sta solo al vostro gusto!

 

 

 

 

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti