Bernie Sanders vende t-shirt con il suo meme per beneficenza

Un'idea nata dal meme virale che ha raccolto quasi due milioni di dollari per le associazioni benefiche del Vermont.

29 Gennaio 2021
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi piĆ¹ alti!

È iniziato tutto con un meme e stentiamo a credere che negli ultimi giorni non vi sia capitato di incappare almeno una volta nell’immagine del Senatore Bernie Sanders e dei suoi coloratissimi guanti. È finita ovunque: il Senatore – colpevole solo di volersi riparare dal freddo – è finito sulla cover di ogni album, seduto in ogni contesto geografico e, in suo onore, sono stati creati anche siti ad hoc. Perché non sfruttare dunque l’improvvisa e ironica notorietà a fin di bene?

Il meme di Bernie Sanders è così finito su alcune t-shirt e, come annunciato dallo stesso Bernie Sanders, il ricavato della vendita delle magliette è stato destinato a una serie di associazioni benefiche del Vermont. In totale, il Senatore ha raccolto quasi due milioni di dollari (circa un milione e mezzo di euro), a dimostrazione del fatto che il mondo del web può regalare anche tante soddisfazioni.

“Jane e io siamo rimasti meravigliati nel vedere la creatività mostrata da così tante persone la scorsa settimana. – ha dichiarato Sanders in un comunicato stampa, riferendosi alla moglie Jane O’Meara Sanders – Siamo felici di poter usare la mia popolarità su internet per aiutare gli abitanti del Vermont in difficoltà”.

L’immagine diventata virale ha in realtà un suo autore: il fotografo Brendan Smialowski, probabilmente, mai si sarebbe aspettato che la sua foto diventasse così popolare. “Sinceramente mi sono goduto il fatto che la gente si divertisse grazie a una foto politica. – ha dichiarato il fotografo al New York Times – Lo scorso anno abbiamo attraversato momenti difficili e la politica può essere cattiva. Ma la gente si sta solo divertendo”.

Insomma, alla fine tutto è bene ciò che finisce bene: l’immagine diventata meme non ha solo concesso un momento di distrazione al mondo del web, ma è riuscita anche a fare del bene.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti