Cottura dei cavoletti di Bruxelles: il trucco per farli croccanti

Non tutti li amano, eppure sono una bomba di vitamine e antiossidanti, ma anche di fibre: ecco come mangiare in modo più goloso i cavoletti

Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!

Non tutti amano i cavoletti di Bruxelles, questi piccoli ortaggi che appartengono alla categoria dei cavoli e che sono ricchi, anzi ricchissimi, di fibre e antiossidanti: tutta colpa del loro sapore poco accattivante (esattamente, sanno di cavolo!) e forse anche del loro odore, che non si può dire invitante (ti senti gonfia? Mangia la pasta con queste verdure)

Come spesso capita però, basta rendere qualcosa croccante da mangiare per percepirlo subito come più buono e gustoso: il cavoletto di Bruxelles di per sè non è croccante, ma si può fare in modo che lo diventi.

Innanzitutto, il cavoletto va lavato e ripulito delle sue foglie più esterne, fino a lasciare solo il cuore: a questo punto possiamo aprire in due i cavolini e spennellarli con una soluzione di olio evo e sale alle erbe. A questo punto adagiamo i cavolini in una teglia coperta da carta forno e li facciamo cuocere per almeno 20 minuti a 200 gradi: li avremo gustosi, croccanti e a prova di bambino!

Privarci delle qualità del cavoletto di Bruxelles sarebbe infatti un vero peccato: questo ortaggio contiene infatti elevate quantità di Vitamina C e visto che è tipico dei paesi del Nord, e resiste quindi bene al freddo, viene utilizzato da secoli come unico alimento portatore di vitamine e nutrienti nelle stagioni invernali. Oggi, quando sulla nostra tavola arriva di tutto e in tutte le stagioni, non possiamo però comunque fare a meno del cavoletto di Buxelles, che è ricchissimo di antiossidanti e viene considerato utile alla prevenzione del cancro, visto che contribuisce a ridurre i fenomeni infiammatori e a ridurre gli zuccheri nel sangue. Tutto questo grazie al kaempferolo, che è anche alla base di diversi integratori alimentari.

Il cavoletto di Bruxelles inoltre è così ricco di fibra che basta mangiarlo un paio di volte a settimana per regolarizzare la peristalsi intestinale e combattere la stipsi.

 

 

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti