0, 0, 0, 0, 1, 0, 0 trend

Ti senti gonfia? Mangia pasta con verdure amare

Finalmente i dietisti concordano nel dire che la pasta non fa ingrassare, anzi fa bene: ecco come condirla per ottenere bonus in più!

Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!

Ormai da tempo la pasta è stata “assolta” dal ruolo demoniaco che le era stato assegnato dalla dietologia degli anni passati: vista come il nemico numero 1 di chi voleva perdere peso, subito eliminata dalle diete e messa all’indice come alimento ingrassante, oggi vive decisamente una nuova età d’oro e le sue tante proprietà vengono finalmente apprezzate (mangiala riscaldata in padella, ecco perchè).

La pasta infatti è un’ottima alleata del buon umore e questo la rende un cibo ottimo anche per favorire il dimagrimento: scoraggia la produzione di cortisolo, ormone dello stress, che invece tende a bloccare la perdita di peso. Consumata nelle giuste quantità e con condimenti di qualità, la pasta può essere mangiata senza pensieri a pranzo e a cena, dove anzi favorisce il sonno.

E a proposito di condimenti, vi diamo una dritta: la pasta condita con verdure, nello specifico verdure amare quindi come cicoria, rucola, scarola, cime di rapa, cavolo nero, radicchio, catalogna, ortica, ha un forte potere detossinante e sgonfiante.

Queste verdure infatti, che sono tipiche della primavera ma possono trovarsi anche in estate, stimolano il lavoro del fegato e aiutano a bruciare i grassi: mangiare con regolarità erbe come cicoria e cicorietta, cavolo nero, scarola, radicchi e catalogna rafforza anche il sistema immunitario.

Le erbe amare sono ottime da sole o come condimento, crude o cotte, molto utilizzate anche per torte salate e frittate: spesso tendiamo a dimenticarle, invece sono un grande alleato della salute e del punto vita.

Infine, un ultimo suggerimento per un piatto di pasta healthy: scolate la pasta leggermente al dente, perchè se resta troppo in acqua bollente disperde eccessivamente amido e di conseguenza aumenta la sua quantità di glutine, diventando così pesante, collosa, poco digeribile. La pasta cotta al dente mantiene invece intatte le sue proprietà nutritive, perché i granuli di amido vengono idratati a sufficienza ma non al punto da “esplodere”. Di contro, una pasta troppo cruda non sarebbe digeribile in quanto non attaccabile dagli enzimi digestivi.

 

 

 

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti