0, 0, 0, 0, 0, 1, 0 trend

Il cielo dell'Artico diventa verde: ecco cosa sta succedendo

Il cielo dell’Artico si è colorato di verde dopo che il Sole ha scatenato contro la Terra una tempesta magnetica

Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!

Il cielo del circolo polare Artico è diventato verde. Cosa sta succedendo? Per spiegare il fenomeno sono intervenuti gli scienziati, secondo cui tutto sarebbe stato provocato dal Sole e dalla sua atmosfera “agitata” che sta provocando sulla Terra una tempesta magnetica. Il fenomeno, considerato rischioso per le comunicazioni radio, fra i tanti effetti ha colorato il cielo dell’Artico di verde, provocando “esplosioni di colori” anche in Antartide.

A generare la tempesta magnetica che ha investito il nostro Pianeta sarebbe stato il vento solare, ossia uno sciame di particelle che il Sole continua a lanciare contro di noi, incontrando il campo magnetico. “La tempesta è di forte intensità e quindi in grado di causare disturbi alle comunicazioni radio ma anche spettacolari aurore polari” ha spiegato Mauro Messerotti, studioso dell’Osservatorio di Trieste dell’Istituto Nazionale di Astrofisica (Inaf) e dell’università di Trieste.

La tempesta magnetica è stata classificata al livello G3 ed è considerata di intensità forte. Secondo le ultime previsioni nelle prossime ore dovrebbe indebolirsi arrivando al livello G2 con un’intensità moderata. A scatenare il vento solare sarebbe stata una faglia enorme che si è aperta nella corona del Sole, la zona più esterna della sua atmosfera.

L’area che si estende per circa il 75% della corona solare – ha proseguito Messerotti – nella quale i campi magnetici del Sole si proiettano all’esterno nello spazio interplanetario e accelerano il flusso di particelle emesse dalla nostra stella”. Queste regioni sono squarci nella corona in cui la temperatura del Sole è più fredda. “È fisiologico avere buchi coronali così grandi e tempeste geomagnetiche di questo tipo quando il Sole è vicino alla fase di attività minima” ha spiegato lo studioso, che ha concluso dicendo: “anche se non ci sono macchie solari compaiono altri fenomeni magnetici”.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti