In arrivo una tempesta solare: si temono conseguenze disastrose

Il Sole è in agitazione: c'è una tempesta solare in corso! Andiamo a scoprire quali sono i suoi effetti potenzialmente disastrosi.

13 Febbraio 2024
Giuseppe Guarino

Giuseppe Guarino

Giornalista

Ph(D) in Diritto Comparato e processi di integrazione e attivo nel campo della ricerca, in particolare sulla Storia contemporanea di America Latina e Spagna. Collabora con numerose testate ed è presidente dell'Associazione Culturale "La Biblioteca del Sannio".

In un contesto in cui le tempeste solari sono da tempo oggetto di studio per la loro imprevedibile ciclicità e le conseguenze anche terribili che possono comportare sulla vita sulla Terra, emerge ora un nuovo e inquietante sviluppo: l’avvento delle “tempeste solari cannibali“. Questa denominazione alternativa, però, non implica un’azione autolesionistica del Sole, bensì evidenzia l’insidioso impatto che tali tempeste possono avere sul nostro pianeta.

Scopri anche:– L’allarme dell’albero di 14.000 anni fa: la tempesta solare del passato che minaccia il futuro

Le tempeste solari di febbraio 2024

Gli scienziati del Space Weather Prediction Center hanno osservato una serie di eruzioni solari tra l’8 e il 10 febbraio 2024, potenzialmente causando una tempesta geomagnetica sulla Terra dal 12 al 14 febbraio 2024. Le espulsioni di massa coronale (CME) dal Sole, costituite da particelle cariche, possono alterare il campo magnetico terrestre. Questo fenomeno, classificato come G1-G2, potrebbe provocare interferenze con le telecomunicazioni e blackout elettrici.

Che cos’è una tempesta solare

In sintesi, una tempesta solare è un fenomeno causato dall’emissione di particelle cariche dal Sole, principalmente durante eruzioni solari o espulsioni di massa coronale. Queste particelle possono interferire con il campo magnetico della Terra.

Quali conseguenze si attendono per la tempesta solare

Le tempeste magnetiche possono variare in intensità da G1 a G5, con conseguenze che vanno dalle spettacolari aurore boreali a problemi significativi per le trasmissioni radio e satellitari. Proprio per questo, è importante monitorare l’attività solare per prevedere e mitigare gli effetti di tali tempeste. Le ripercussioni più temute, infatti, sono

  • interferenze con le telecomunicazioni,
  • possibili blackout elettrici
  • e danni ai satelliti.
  • Inoltre, potrebbero verificarsi problemi nelle trasmissioni radio e, in generale, disturbi alle infrastrutture tecnologiche terrestri.

Tempeste solari cannibali: cosa sta succedendo al nostro pianeta

La comunità scientifica sta monitorando da vicino questi eventi, poiché una tempesta solare di proporzioni significative è in arrivo e si dirigerà verso la Terra, suscitando legittime preoccupazioni tra gli esperti. Proveremo quindi ad esplorare il significato che si nasconde dietro le “tempeste solari” e analizzeremo le potenziali conseguenze disastrose che potrebbero scaturire dall’impatto di questi eventi sul nostro ambiente terrestre.

Negli ultimi tempi, l’attività solare ha assunto un dinamismo straordinario, caratterizzato da episodi sempre più frequenti di violente espulsioni di plasma solare, noto come massa coronale. Questi eventi incidono in modo significativo sui campi magnetici di tutti i pianeti del sistema solare, ma è soprattutto sulla Terra che si manifestano conseguenze di maggiore portata. Soprattutto per il fatto che c’è vita e soprattutto un ambiente fortemente antropizzato, ovvero plasmato dall’uomo.

Mentre Marte, Mercurio e Venere possono sperimentare effetti relativamente minori, per il nostro pianeta, le tempeste solari rappresentano una minaccia di proporzioni più serie. Ciò è particolarmente vero nel caso delle “tempeste solari cannibali“, le quali, sebbene si verifichino a distanze superiori ai 150 milioni di chilometri, possono avere impatti diretti e tangibili sulla nostra vita quotidiana.

In questo contesto, quindi, ci troviamo attualmente di fronte a una tempesta geomagnetica di livello G3, caratterizzata da espulsioni di massa coronale cannibale dirette verso la Terra. Avviatasi l’1 dicembre, questa tempesta ha varcato il campo magnetico terrestre, aprendo la possibilità di una serie di eventi solari eccezionali. Inutile dire che l’intera situazione suscita legittime preoccupazioni tra gli esperti, che stanno analizzando attentamente le potenziali conseguenze che potrebbero derivare da questo impatto diretto sul nostro ambiente terrestre.

Tempeste solari: le possibili conseguenze di questi eventi sulla Terra

Uno studio scientifico ha messo in luce una connessione diretta tra le tempeste solari e potenziali malfunzionamenti nei sistemi di segnalazione ferroviaria. Le tempeste solari, notorie per la loro capacità di generare intense perturbazioni magnetiche sulla Terra, possono scatenare correnti geomagnetiche indotte (GIC) che interferiscono con le reti di trasmissione e distribuzione dell’energia elettrica. Questa scoperta, frutto di un’indagine condotta dal dottorando Cameron Patterson e dal professor Jim Wild dell’Università di Lancaster, getta nuova luce sui rischi che comportano per l’essere umano.

Il team di ricerca ha esaminato il flusso delle GIC attraverso i circuiti di binario di linee elettrificate a corrente alternata, prendendo come esempio due tratte ferroviarie nel Regno Unito: la sezione da Preston a Lancaster della West Coast Main Line e la linea da Glasgow a Edimburgo. Attraverso diverse simulazioni, hanno valutato come le GIC indotte nelle rotaie siano potenzialmente in grado di provocare errori nei sistemi di segnalazione, un aspetto critico data la presenza di oltre 50.000 circuiti di segnalazione nel solo Regno Unito.

Patterson ha sottolineato l’importanza di tali risultati per la sicurezza dell’intero pianeta, evidenziando come le condizioni meteorologiche spaziali possano alterare i segnali ferroviari, trasformando un segnale rosso in verde e viceversa. Questi guasti, seppur rari, possono verificarsi ogni pochi decenni, rendendo il fenomeno non solo rilevante, ma anche potenzialmente pericoloso.

La nostra ricerca dimostra che la meteorologia spaziale rappresenta un rischio serio, anche se relativamente raro, per il sistema di segnalamento ferroviario, che potrebbe causare ritardi o addirittura implicazioni più critiche per la sicurezza. Questo pericolo naturale deve essere preso sul serio. Gli eventi ad alto impatto e bassa frequenza sono difficili da pianificare, ma ignorarli è raramente la soluzione migliore,” ha dichiarato lo studioso.

Tempeste solari: gli effetti sulle comunicazioni ferroviarie

La ricerca ha rivelato che i guasti ai sistemi di segnalazione possono verificarsi anche durante tempeste geomagnetiche di intensità inferiore. L’analisi, estendendosi a scenari estremi, suggerisce che eventi di “maltempo spaziale” possono causare malfunzionamenti significativi, mettendo a rischio la sicurezza e l’efficienza del trasporto ferroviario.

Il professor Wild, a capo dell’indagine, ha sottolineato l’importanza di migliorare la comprensione del rischio meteorologico spaziale e ha dichiarato: “Man mano che la nostra comprensione del rischio meteorologico spaziale migliora, è possibile considerare come ridurre i rischi. In futuro, le previsioni meteorologiche spaziali potrebbero essere utilizzate per prendere decisioni sulla limitazione delle operazioni ferroviarie in caso di eventi estremi, proprio come si fa attualmente con le previsioni meteorologiche“.

Quali sono le altre conseguenze delle tempeste solari?

Le tempeste solari, generate da eventi solari intensi come i brillamenti, rilasciano notevoli quantità di particelle ad alta energia. Quando queste particelle interagiscono con il campo magnetico terrestre, scaturiscono perturbazioni nella magnetosfera, dando vita a effetti che variano dai blackout temporanei nelle reti elettriche alle interferenze nei sistemi di comunicazione satellitari.

Durante l’ultimo evento di classe G3, avvenuto il 5 novembre 2023, le spettacolari aurore polari visibili anche in Italia sono state solo la punta dell’iceberg. Gli impatti di una tempesta geomagnetica di questo livello possono manifestarsi in molteplici e problematici scenari. Possibili interruzioni nei sistemi di alimentazione elettrica, falsi allarmi nei sistemi di protezione, problemi per i veicoli spaziali e interruzioni nelle comunicazioni radio rappresentano solo alcune delle conseguenze possibili.

Nei prossimi anni avremo sempre più eventi di questo tipo

La NASA ha previsto un aumento significativo di queste attività solari entro il 2025, che con ogni probabilità potrebbero portare a disagi ancor più gravi. Blackout di 24 ore o più potrebbero colpire interi Paesi, con conseguenze che vanno dalla deperibilità di cibi e farmaci al malfunzionamento di macchinari ospedalieri e a disfunzioni generali nei settori idrici e della mobilità.

Nonostante queste prospettive inquietanti, la scienza sta rispondendo con soluzioni innovative. Si stanno sviluppando sistemi resistenti agli effetti delle tempeste solari cannibali, con l’obiettivo di garantire la sopravvivenza e la stabilità della vita umana. Mentre le minacce provenienti dallo spazio crescono, la ricerca e la tecnologia si muovono per proteggere il nostro pianeta da potenziali disastri solari.

TAG:

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti