Le rubano le uova in ufficio: il trucco per incastrare il "ladro"

La geniale trovata della donna derubata fa il giro del web

Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi piĆ¹ alti!

È innegabile che in giro ci siano persone a dir poco geniali. È il caso di una donna che ha escogitato un trucco da standing ovation per scoprire chi fosse il collega che le aveva rubato le uova sul posto di lavoro. In fondo è capitato un po’ a tutti di guardare con invidia il pasto dell’altro. Come si dice, l’erba del vicino è sempre più verde.

Deve averlo pensato anche l’individuo che in ufficio ha rubato le uova alla collega. Ma lei si è rivelata ben più furba e ha lasciato un bigliettino che ha sortito l’effetto sperato. A svelare come è andata la vicenda è stato il figlio della donna derubata.

Sui social Kojo, questo il nome del ragazzo, ha postato uno screenshot del bigliettino lasciato dalla madre in ufficio per punire il ladro di uova. Il foglio recita così: “Attenzione attenzione attenzione: avevo messo una confezione di uova in frigo ed è sparita. Chiunque abbia preso le uova sappia che quelle uova non sono di gallina e non sono fatte per essere mangiate. Se non le hai consumate allora sbarazzatene, ma se le hai mangiate per piacere vieni a cercarmi per l’antidoto. Sono uova che provengono da un uccello raro in Africa. Grazie!”.

Ebbene, sapete che cosa è successo dopo? È sempre Kojo a svelarlo su Twitter. “Allora, mia mamma si è accorta che al lavoro erano sparite le sue uova e ha scritto questo bigliettino. Più tardi un tipo bianco è andato da lei tutto preoccupato per avere l’antidoto perché pensava che sarebbe morto!”.

Il post di Kojo è diventato virale (come l’incredibile storia di questa ragazza e della stanza dietro il suo specchio) con centinaia di migliaia di like, numerosi retweet e tanti commenti. Un episodio che ha divertito molto il popolo del web, e che ci insegna qualcosa di importante: non toccare quel che non ci appartiene.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti