L'illusione ottica di Ponzo: qual è la linea più lunga?

L'ennesima illusione ottica che ci permette di conoscere meglio il nostro cervello

23 Settembre 2021
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!
Fonte: 123rf

Le illusioni ottiche sono sempre divertenti e ci permettono spesso di scoprire qualcosa di più sul modo in cui il nostro cervello interpreta ed elabora le immagini, e soprattutto perché si comporta in un modo piuttosto che in un altro. D’altronde si sa che il cervello è tra gli aspetti più affascinanti dell’essere umano. Oggi vi parliamo dell’illusione di Ponzo.

Il nostro cervello si confonde sempre quando ha di fronte certe illusioni ottiche. Tra le più famose c’è proprio quella di Ponzo, dove lo spettatore riconosce delle figure di dimensione diversa, ma che in realtà hanno la stessa grandezza. È lo sfondo, infatti, che dà una percezione prospettica differente.

Come ricorda il sito Everyeye.it l’illusione è stata descritta per la prima volta dallo psicologo italiano Mario Ponzo nel 1911. Secondo lui la mente umana giudica le dimensioni di un oggetto anche e soprattutto in base al suo sfondo. Per dimostrare la validità di queste affermazioni, lo psicologo creò l’illusione ottica che porta il suo nome.

Disegnando due linee di uguale dimensione, e creando uno sfondo simile a un binario ferroviario, Ponzo dimostrò che la linea superiore sembra più lunga solo perché interpretiamo i lati convergenti come linee parallele che si allontanano. In questo caso, il nostro cervello interpreta la linea superiore come più distante e, proprio per questo motivo, ci sembra essere più lunga.

L’illusione ottica di Ponzo è stata studiata da più punti di vista. Le persone non occidentali e che vivono in ambienti rurali hanno mostrato meno suscettibilità all’illusione. Altre ricerche, invece, hanno dimostrato che la ricettività di un individuo all’immagine può essere inversamente correlata con la dimensione della corteccia visiva primaria dell’individuo.

Non siete convinti e continuate a pensare che le linee abbiano lunghezze diverse? Allora non vi resta che prendere il righello e misurarle per togliervi ogni dubbio.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti