Morta Molly Peters, la prima bond girl che si spogliò in 007

È morta Molly Peters, la prima bond girl che si è spogliata in un film su 007

Fonte: Facebook

Molly Peters, la prima bond girl che si spoglio in un film di 007, è morta. L’attrice 75enne è deceduta per motivi che non sono stati ancora specificati. La notizia è stata data tramite una nota diffusa sulla pagina ufficiale di James Bond: “Siamo tristi di apprendere che Molly Peters è scomparsa all’età di 75 anni – si legge su Twitter-, i nostri pensieri vanno alla sua famiglia”.

L’interprete britannica era diventata famosa nel 1965 grazie alla sua partecipazione ad “Agente 007 – Thunderball: operazione tuono” come bond girl. Nella pellicola con Sean Connery, Molly Peters interpretava l’infermiera Patricia Fearing. Bionda e bellissima, la Peters si spogliò davanti all’agente 007, scatenando le polemiche. Il suo nudo costrinse la British Board of Film Classification, ossia l’organizzazione che si occupava della classificazione delle pellicole nel Regno Unito, ad imporre al film la categoria X, dedicata ai lungometraggi considerati troppo osé.

Dopo il successo di “Thunderball” e il ruolo di bond girl, la carriera della Peters non decollò. L’attrice britannica apparve in diversi altri film senza mai raggiungere il successo della prima pellicola con 007. Fra i suoi ruoli più famosi quello in “Tiro a segno per uccidere” del 1966 e “Non alzare il ponte, abbassa il fiume” del 1968, in cui recitava accanto a Jerry Lewis. In seguito la star si ritirò dalle scene per via di alcuni disaccordi con il suo agente. Dal 1970 di lei non si seppe più nulla, sino ad oggi, quando è stata annunciata la morte, poco dopo la fine tragica di Roger Moore, protagonista indimenticabile di tanti film di 007.

La vita di Molly Peters non è stata affatto semplice. Rimasta incinta da giovane, diede in adozione il bambino. In seguito si trasferì a Ipswich insieme con il marito e il figlio, deceduto poco dopo. Nel 2011 i giornali tornarono a parlare di lei per via di un ictus che l’aveva colpita.

Contenuti sponsorizzati

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti