Non mangiare anguria se vai in spiaggia: l'effetto indesiderato

Mangiare l’anguria in spiaggia rinfresca e addolcisce la giornata ma potrebbe causare gonfiore e fastidi addominali: ecco perché.

18 Giugno 2020
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!

Con l’arrivo della bella stagione e dopo il lungo periodo di lockdown dovuto al Covid-19, quest’anno la prova costume potrebbe essere un vero incubo. Ora che l’Italia è ripartita e tutti siamo più liberi di muoverci, dovremmo dedicare un po’ di tempo all’attività fisica e seguire un’alimentazione sana ed equilibrata. Arriveremo così al mare in forma e sicuramente più depurati dopo la sedentarietà forzata (mai sentito parlare della dieta della mela rossa per depurare l’organismo?). Ma attenti agli spuntini sotto l’ombrellone: ci sono cibi insospettabili, come l’adorata anguria, che anche consumati in spiaggia potrebbero causare gonfiore.

La notizia potrebbe lasciare stupiti visto che questo frutto estivo per eccellenza è composto essenzialmente d’acqua, motivo per cui ci regalare una piacevole sensazione di freschezza. L’anguria però contiene anche molto fruttosio, che dona a ogni fetta quel delicato sapore zuccherino.

Il problema è che molte persone hanno difficoltà a digerire questo tipo di zucchero, che finisce nell’intestino crasso. Qui, a seguito dell’azione di alcuni batteri, subisce un processo di fermentazione che provoca il rilascio di gas, causando gonfiore.

L’anguria non è l’unico alimento poco indicato in spiaggia per chi ha problemi nell’assimilazione di determinati alimenti. Secondo quanto ci ricorda “Insider”, esiste una vera e propria lista di cibi denominati Fodmap, acronimo che sta per oligo-mono-disaccaridi (zuccheri) fermentabili e polioli.

Parliamo dunque di alimenti che contengono zuccheri a catena corta che possono causare irritazioni all’intestino, facendoci sentire gonfi. Nell’elenco, sono presenti anche i derivati del grano, i legumi, i broccoli e alcuni tipi di frutta.

Insomma, se volete smorzare la fame sotto l’ombrellone, attenzione a quello che mangiate in riva al mare (se non andrete in vacanza, sapete che potreste portare la spiaggia a casa vostra?). Rinunciare a qualche fetta di anguria in più in spiaggia sarà un sacrificio, ma il vostro corpo certamente vi ringrazierà.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti