Perché d’inverno prendiamo peso? Colpa (anche) della luce

Non è solo questione di alimentazione: in inverno prendiamo qualche chilo in più per un altro motivo.

17 Dicembre 2021
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!
Fonte: 123RF

Ammettiamolo: la stagione invernale riscuote molto meno successo nelle preferenze di tutti noi anche per una questione di… peso. E parliamo proprio di chili sulla bilancia. Di quegli odiosissimi (e tenutissimi) chiletti in più che finiamo per accumulare durante i mesi più freddi dell’anno. Se, infatti, dalla primavera in poi cerchiamo di stare attenti a tavola e di fare più movimento pensando all’estate che ci aspetta, con l’arrivo dell’autunno finiamo per abbandonare i buoni propositi. E, così, spesso, la linea va un po’ a farsi benedire.

Se poi ci mettiamo anche il periodo delle Feste, rinunciare a qualche peccato di gola è assolutamente impossibile. Eppure, a nostro discapito interviene la scienza secondo la quale accumulare qualche chilo in più durante l’inverno non è solo legato alle abitudini alimentari o alla minore attività fisica.

A farci aumentare di peso quando le temperature scendono, infatti, ci si mette anche la scarsità di luce. Ebbene sì, secondo una ricerca dell’Università di Alberta in Canada la luce svolge un ruolo fondamentale sul nostro organismo. Stando agli studi si è visto che le cellule adipose rispondono alle sollecitazioni luminose rivelandosi, dunque, particolarmente fotosensibili.

Come riporta focus.it, la lunghezza d’onda compresa tra i 450 e i 750 nanometri (è la cosiddetta luce blu) riesce a penetrare negli strati più profondi della nostra pelle. Fino a colpire le cellule di grasso accumulate. L’effetto di questo ‘bombardamento’ è lo scioglimento delle stesse cellule adipose che, ridotte nelle loro dimensioni, riescono a superare le pareti cellulari che le trattengono per essere poi smaltite grazie al sistema linfatico.

Un modo tutto naturale, dunque, per sciogliere i grassi direttamente all’interno del corpo. Da qui dunque gli ‘effetti collaterali’ dell’inverno: diminuendo la quantità di luce nell’ambiente, il nostro organismo tende ad accumulare grassi probabilmente come risorsa per affrontare le temperature più rigide.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti