Perché l'1 aprile si dice pesce d'aprile?

Il pesce d'aprile è conosciuto in tutto il mondo. Le sue origini non sono certe. Decisioni di Corte, tradizione popolare o zodiaco?

Alle scuole medie avete raggiunto il punto più alto del vostro spirito goliardico affiggendo un foglio con il disegno di un pesce sul parabrezza dell’auto dell’insegnate di religione? Era sicuramente il primo Aprile e non vi siete chiesti come mai fosse usanza far passare per ‘allocche’ le persone con lo scherzo del ‘pesce d’aprile‘.

La tradizione, con toni post-carnevaleschi, viene seguita in moltissime parti del mondo: in Europa chiaramente, ma anche in Brasile, Stati Uniti e Giappone. Le radici del pesce d’aprile non sono precise: alcuni dicono si debba ad un passaggio al calendario gregoriano voluto da Carlo IX di Francia; altri si rifanno alla tradizione popolare o allo zodiaco. La verità non è chiara e forse nemmeno è importante, rimane curioso però conoscere le diverse versioni.

Decisioni dall’alto e tradizioni dal basso

La prima versione sulle origini del pesce d’aprile si rifà alle decisioni della Corte di Carlo IX di Francia. A quanto pare, nel 1564, il Sovrano d’Oltralpe sposato a Caterina de’ Medici decise di introdurre il calendario gregoriano che indicava il primo di Aprile come primo giorno dell’anno. Per un periodo di tempo consistente, i giorni che andavano dal 25 Marzo al 1 Aprile furono utilizzati per festeggiare con scherzi.

Un’altra spiegazione vorrebbe, invece, che sia la tradizione popolare ad aver indicato questa data come la giornata dello “scherno ittico”. Si pensa che il primo aprile fosse il primo giorno ufficiale della pesca e per questo venivano indette celebrazioni e feste. Tuttavia, tornando spesso a mani vuote per via della stagione, i pescatori finivano per essere oggetto dell’ilarità dei compaesani.

Lo zodiaco

Gli amanti dell’oroscopo possono invece accettare una spiegazione che rientra più nelle loro corde. A quanto pare, il Sole esce in quel giorno dalla costellazione dei Pesci. Per qualche ragione, quest’evento dovrebbe essere festeggiato in modo insolito.

In diverse parti del mondo la goliardia ha connotazioni particolari. In Francia sarebbe la giornata di passaggio verso la costellazione dell’Ariete e il Sole viene usato come simbolo. Inglesi e americani chiamano il primo aprile ‘the food day‘, il giorno dello sciocco. Gli scozzesi, ben più sanguigni, irruenti e senza freni, lo definiscono il giorno delle natiche. Il tipico scherzo è quello di apporre un cartello con la scritta ‘kick me‘ (calciami) sul sedere delle persone. C’è da scommettere che solo in pochi si tirano indietro dai loro obblighi.

Contenuti sponsorizzati

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti