Perchè si dice essere al verde

Essere al verde: nessuno vorrebbe esserlo, ma di certo tutti sono curiosi di sapere perché si dice proprio così. Scopriamolo insieme

Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!
Fonte: flickr

Essere al verde è una diffusa locuzione usata quando il proprio conto è in rosso. Il colore rosso ha un suo perché, visto che le banche segnano i debiti con questo colore. Ma il verde, colore delle promesse e della speranza per eccellenza, sembra quasi fuori luogo per indicare la situazione di restare senza soldi. In realtà, tutti i modi di dire affondano le loro radici nella storia e nelle antiche usanze, e questo vale anche per l’espressione essere al verde.

Esistono almeno 4 teorie che ne spiegano le origini, e le prime due hanno come protagoniste le candele. Una prima spiegazione risale al Medioevo, quando l’accensione di una candela verde era un segnale per avvertire i “poveri vergognosi” che il pasto era pronto. Tali persone erano chiamate vergognose perché non erano state sempre povere ma lo erano diventate e quindi si vergognavano di essere oggetto di carità. L’accensione di candele verdi era un modo discreto per permettere a questi poveri di sapere quando recarsi a mangiare, ma al tempo stesso di farlo con discrezione e senza essere visti.

La seconda teoria risale invece al XVI secolo, ai tempi delle aste pubbliche che si tenevano a Firenze dal Magistrato del sale. L’usanza prevedeva di utilizzare delle candele dipinte di verde sulla base per segnare il tempo. Le candele venivano accese all’inizio dell’asta e si lasciavano bruciare finché la fiamma arrivava alla parte verde della base. Questo segnalava che il tempo era scaduto e non potevano più essere fatte offerte. Si pensa che l’espressione essere al verde possa derivare da quest’ usanza per analogia: il verde indicava qualcosa che era finito, così come oggi indica che a finire sono i soldi.

La terza teoria fa sempre riferimento ad usanze storiche. Anticamente, infatti, i soldi venivano conservati all’interno di sacchetti dal fondo verde. Quando finivano si vedeva solo il verde del fondo; da qui l’espressione essere al verde. Un’ultima teoria è più attuale, ma non per questo meno probabile, e ipotizza che l’espressione essere al verde derivi dai casinò. In effetti, se si perde tutto quello che si ha, si rimane senza alcuna fiches e quel che si riesce a vedere sul tavolo è il verde della tovaglia tipica delle case da gioco.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti