0, 0, 1, 0, 0, 0, 2 trend

Perché le uova sode si rompono? Non fare questo errore

Sembrano facili da cucinare, ma bisogna tenere a mente alcuni accorgimenti per non combinare un disastro

Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!

Avete deciso di cucinare un pasto a base di uova sode. Ottima scelta, si tratta di un piatto nutriente e molto gustoso, specie se abbinato a un’insalata o a delle salse, eppure cucinarle alla perfezione non è così semplice come si potrebbe pensare. Ci sono infatti diversi accorgimenti da adottare ed errori da evitare nella maniera più assoluta.

Se si desidera bollire le uova senza rompere il guscio il livello di attenzione mentre si cucina va sicuramente alzato: se sono fredde ed entrano a contatto con l’acqua calda possono rompersi più facilmente, così come anche quando si ammucchiano sul fondo della pentola (sai cosa significa il puntino rosso sulle uova?)

Come prima cosa, quindi, è bene ricordare che le uova dovrebbero essere a temperatura ambiente: per questo motivo vanno tirate fuori dal frigorifero un po’ prima di cucinarle. In caso contrario le uova potrebbero rompersi: la rottura avviene perché i gas si riscaldano e si espandono nel guscio. Quando la pressione è molto elevata i gas fuoriescono e rompono i punti deboli del guscio, che è poroso. Se invece le uova vengono portate a temperatura ambiente prima della cottura, questo processo si rallenta. Qualora invece si avesse fretta e non si potesse aspettare che le uova si scaldino da sole è possibile bagnarle con acqua di rubinetto calda per qualche minuto prima di cuocerle.

A questo punto bisogna adagiare le uova sul fondo della pentola, che va riempita con almeno 3 centimetri di acqua di rubinetto fredda. Meglio versare l’acqua sulle pareti della pentola in modo da non farla finire direttamente sulle uova. Quindi è tempo di ricorrere a un altro trucchetto: ovvero aggiungere dell’aceto all’acqua (circa un cucchiaino per ogni uovo) prima di accendere il fuoco. Questa mossa permette alle proteine dell’albume di coagulare più in fretta per chiudere le eventuali spaccature che si formano sul guscio.

Ormai è quasi fatta: quando l’acqua bolle calcolate 8 minuti. Trascorso questo lasso di tempo avrete uova sode cotte perfettamente e belle integre. Meglio non prolungare il tempo di cottura, il rischio è che il tuorlo assuma un color verdastro non molto invitante (il trucco per sbucciare le uova sode, leggi qui).

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti