0, 0, 1, 0, 0, 0, 0 trend

Perchè si dice "è una vittoria di Pirro"

"E' una vittoria di Pirro" è un modo di dire attuale ma legato alla storia romana. Vediamone insieme il significato

Fonte: Wikipedia

Lo usiamo per designare una “mezza-vittoria“. È, più precisamente, una vittoria portata a termine con eccessivi sacrifici di mezzi. Questo modo di dire affonda le radici nella storia più antica della nostra tradizione, fino ad arrivare alle origini dell’Impero Romano, quando ancora Roma era una modesta repubblica, una potenza peninsulare estesa solo in parte nel centro-sud Italia.

Le “vittorie di Pirro” si ebbero durante le Guerre Pirriche, che interessarono il sud Italia tra il 280 e il 275 a.C., contrapponendo la Repubblica Romana e una coalizione greco-italica capitanata da Pirro, re dell’Epiro (regione storica situata circa presso l’odierna Albania).

Il casus belli delle guerre pirriche

Le guerre pirriche ebbero inizio a causa dell’espansione della giovane Repubblica Romana nel sud Italia, che vedeva nella città libera di Taranto, appartenente alla Magna Grecia, il prossimo obiettivo fondamentale per consolidare la sua presenza sulle coste Ioniche.

Taranto chiese aiuto a Pirro, che accettò di entrare in guerra a favore dei greci, con lo scopo di portare sotto la sua sfera di influenza – e in seguito annettere- i territori della Magna Grecia. La forza di Pirro, in confronto a quella dei romani, ancora agli inizi della loro ascesa come potenza mediterranea, era estremamente superiore.

La sconfitta di Pirro

I romani subirono importanti sconfitte presso Eraclea e Ascoli Satriano, dove però Pirro perse un grande quantitativo di uomini, tanto da ridurre considerevolmente la potenza bellica degli epiroti. Una battaglia volse definitivamente la situazione in favore dei romani: presso Maleventum Pirro subì una schiacciante sconfitta, tanto che i romani ribattezzarono il nome della città in Beneventum (l’odierna Benevento).

Pirro, per non essere catturato, ritornò nel suo regno dopo aver perso gran parte dell’esercito. Taranto dopo tre anni di assedio capitolò e la Magna Grecia fu annessa ai territori di Roma. Si può dire quindi che furono proprio i grandi sacrifici, in termini di soldati, fatti per vincere alcune battaglie, che causarono la finale sconfitta del re dell’Epiro.

Contenuti sponsorizzati

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti