0, 3, 1, 1, 0, 1, 0 trend

Prova a sederti a gambe incrociate. Se non riesci, ecco la causa

Incrociare le gambe non è facile per tutti: chi ha problemi di tono muscolare può provare con alcuni semplici esercizi per migliorare l’elasticità

Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!

“Hai mai provato a sederti a gambe incrociate e l’hai trovato molto più difficoltoso di quello che facevi da bambino? Questo perché, dopo decenni in cui sei meno attivo e seduto tutto il giorno, sia i fianchi che le ginocchia diventano più rigidi, limitando il tuo raggio di movimento” afferma Sarah Duvall, fisioterapista e fondatrice di Core Exercise Solutions.

Per tornare ad incrociare le gambe agilmente c’è bisogno di praticare alcuni esercizi di allungamento al fine di aumentare l’elasticità dei tessuti (è lei la più anziana maestra di yoga, ha 98 anni): spesso non riusciamo ad incrociarle perché assumiamo posture sbagliate nel tempo e i movimenti risultano meno efficaci di un tempo.

Un consiglio che l’esperta fornisce qualora sentiamo dolore durante l’incrocio delle gambe è quello di sistemare la posizione del femore, che spesso risulta troppo avanti rispetto a come dovrebbe essere.

Inoltre il dolore alle ginocchia (non buttare via i gusci delle uova, servono per le tua ossa!) potrebbe essere causato da un pessimo tono muscolare a livello dei glutei o degli archi plantari: questi problemi non raramente sfociano in una seria infiammazione del menisco, aumento del gonfiore e per giunta osteoartrite.

“Quando gli archi dei piedi sono deboli, il piede collassa. Di conseguenza, la parte inferiore della gamba compensa spesso questa ridotta forza dell’arco ruotando verso l’esterno” ha spiegato la Duvall aggiungendo che “i glutei e i rotatori dell’anca profonda forniscono una rotazione esterna per il femore e quando i glutei sono deboli, anche il femore può collassare” e il ginocchio subisce le conseguenze maggiori.

Per rinforzare il tono dei piedi, si possono sollevare e abbassare mantenendo l’alluce ben saldo a terra e ripetere l’esercizio; per i glutei, a pancia in giù e con le ginocchia a 90° e i talloni in aria, provate a spingere un tallone contro l’altro mentre contraete i muscoli dei glutei per 3 secondi e ripetete (e lasciate le gambe sollevate per 20 minuti, ecco tutti i benefici).

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti