Raoul Bova ricorda Frizzi: "Aveva sempre un'energia positiva"

Ospite di 'Da Noi... a Ruota Libera' di Francesca Fialdini, Raoul Bova si rivede in una clip di 'Scommettiamo che...?' del 1991 e ricorda Frizzi.

2 Novembre 2020
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi piĆ¹ alti!

Ospite di Da Noi… a Ruota Libera, il programma condotto da Francesca Fialdini su Rai1, Raoul Bova racconta e commenta aneddoti della sua vita privata e lavorativa. A iniziare dalla sorpresa che Francesca Fialdini ha preparato per l’attore. Da Noi… A Ruota Libera viene infatti registrato negli studi Rai dedicati a Fabrizio Frizzi e così chiamati per ricordare il conduttore scomparso. Francesca manda quindi in onda una clip d’archivio: siamo nel 1991 e Fabrizio Frizzi conduce con successo Scommettiamo che…?. Tra i vari partecipanti, c’è anche un giovanissimo Raoul Bova.

“Fabrizio conduceva un programma in prima serata di cui non mi sono mai persa neanche una puntata – dice la Fialdini – e a un certo punto compari anche tu”. Nella clip, Raoul Bova gioca e scherza con Frizzi. “Un grande. – commenta poi l’attore – Ho fatto di tutto nella vita quindi è servita anche quell’esperienza. Poi ridevo, quindi sicuramente sarà stata positiva”.

Bova ricorda poi Fabrizio: “Mi fa piacere ricordarlo con un sorriso, che è quello che ti suscitava lui sempre e in continuazione. Tu lo sai perché un anno abbiamo fatto La partita del cuore e tu in quell’occasione conducevi proprio accanto a Fabrizio. Aveva sempre un’energia positiva, rideva sempre. È una persona che ricordo con grandissimo, grandissimo affetto”.

L’attore, che – ricordiamo – è anche un ex nuotatore professionista, ospite di Da Noi… A Ruota Libera ha anche ricordato la sua prima volta in acqua: “Da piccolo la mia prima esperienza con l’acqua fu molto negativa perché andai proprio a fondo, mi salvò mio padre”.

“Sono stati due tre secondi ma per me sono durati una vita. – ricorda ancora Raoul Bova – La sensazione dell’annegamento è molto brutta, me la sono poi riportata in tutti questi anni come un incubo, ho sognato spesso di morire”.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti