Riscaldi gli avanzi in microonde: ecco cosa è importante sapere

Avete l’abitudine di riscaldare gli avanzi nel microonde? Ecco tutto ciò che bisogna sapere per evitare rischi per la salute

27 Agosto 2020
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!

Riscaldare gli avanzi è un’abitudine comune: perché buttare via il cibo se si può consumare in un secondo momento? Ma se la pratica di non disfarsi di alimenti già cotti può rappresentare un’ottima opportunità per contrastare lo spreco alimentare, bisogna essere consapevoli dei rischi in cui si incorre se il riutilizzo del cibo non avviene nel modo corretto.

Quando avanza del cibo, dopo un pranzo o una cena, la prima cosa che si è portati a fare è conservarlo in frigorifero. La procedura non è sbagliata, a patto che vengano tenuti da parte per massimo due o tre giorni e che non restino a temperature ambiente per più di due ore (quanto durano i cibi in frigo?). Non solo: quando ci appresta a riscaldarli, bisognerebbe fare in modo che la temperatura raggiunga almeno i 75 gradi. A questo proposito sarebbe opportuno utilizzare un termometro alimentare per assicurarsi un risultato efficace. Le alte temperature, infatti, servono a contrastare la proliferazione di eventuali batteri che potrebbero provocare fastidiose intossicazioni alimentari.

L’ideale, dunque, sarebbe riscaldare gli avanzi del cibo in padella, direttamente su fornelli, per circa 10-20 minuti. Se si utilizza il forno a microonde (ecco come pulirlo alla perfezione) c’è il rischio che la cottura non avvenga in modo uniforme e quel piatto che non abbiamo voluto sprecare potrebbe rivelarsi dannoso per la nostra salute. Se non si vuole rinunciare al prezioso elettrodomestico – decisamente più veloce e pratico – bisognerebbe interrompere di tanto in tanto l’operazione di riscaldamento per mescolare il cibo, come suggerito dal giornalista scientifico Michael Mosley.

Ci sono, poi alcuni alimenti che sarebbe meglio non riscaldare: tra questi il riso cotto (che da crudo invece si può persino congelare) e le uova (se volete farle strapazzate evitate di utilizzare il latte). Gli avanzi di cibi contenenti molto olio non dovrebbero infine essere messi nel microonde: il riscaldamento potrebbe causare fumi tossici.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti