‘SanPa’, Netflix alla sbarra: la querela dei figli di Muccioli

Il documentario ‘SanPa’, disponibile su Netflix, non smette di far parlare: i figli del fondatore della comunità Muccioli querelano la piattaforma.

7 Aprile 2021
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!
Fonte: Ufficio Stampa Netflix

Continua la lunga scia scatenata da ‘SanPa’, il controverso e discusso documentario Netflix sulla comunità di San Patrignano. Disponibile su Netflix da qualche mese, la docuserie ha subito diviso la platea di spettatori, sconvolgendo molti di fronte ai tanti lati oscuri su cui avrebbe sollevato il velo. Ma è di queste ore l’ultimo colpo di coda, che arriva direttamente dalla famiglia del fondatore Vincenzo Muccioli.

I figli Andrea e Giacomo, infatti, hanno sporto querela per diffamazione aggravata nei confronti di Netflix che sarebbe rea di aver offeso la memoria del padre. La notizia è stata lanciata dal Corriere Romagna che annuncia la decisione degli eredi di procedere per vie legali assistiti dall’avvocato Alessandro Catrani.

Stando alla posizione dei figli, infatti, il documentario fornirebbe una ricostruzione del tutto distorta rispetto alla storia della comunità e ai comportamenti di Muccioli. Del resto, la famiglia e la Comunità di San Patrignano avevano preso immediatamente le distanze dai racconti di ‘SanPa’ a pochi giorno dall’uscita sulla piattaforma.

Il quadro tracciato, infatti, era stato ritenuto dai discendenti “unilaterale, sommario e parziale” basato, a detta loro, soprattutto su “testimonianze di detrattori”. A motivare la querela già depositata, inoltre, sarebbero state le allusioni alla presunta omosessualità di Muccioli e all’Aids che sarebbe stata la vera causa della morte del fondatore.

Come si legge dalle informazioni diffuse da Netflix, docu-serie originale nasce da racconti e immagini di repertorio provenienti da archivi differenti. Fondamentale è stato, poi, il coinvolgimento di venticinque testimoni per 180 ore di interviste e colloqui attraverso i quali la produzione ha cercato di mettere in luce gli snodi – e le criticità – principali di una storia ancora in corso. Non a caso, il sottotitolo del documentario è proprio ‘Luci e tenebre di San Patrignano’.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti