"Sex and the City", il terzo film salta per colpa di Samantha

Ormai è ufficiale: "Sex and The City 3" non ci sarà e, secondo alcune indiscrezioni, la colpa sarebbe dell'attrice che interpreta Samantha

“Sex and The City 3” non si farà. Ad annunciarlo è la stessa Sarah Jessica Parker, alias Carrie, che ha svelato in un’intervista tutti i retroscena riguardo la terza pellicola tratta dalla serie. Secondo quanto raccontato dall’attrice le riprese del film stavano per iniziare, ma la Warner Bros avrebbe cancellato il progetto.

“È finita. Non lo faremo – ha confessato Sarah Jessica Parker -. Sono delusa. Avevamo questo script bello, divertente, toccante, gioioso, una storia dove la gente poteva rispecchiarsi. Non è deludente solo perché non potremo raccontare quella storia e vivere quella esperienza, ma soprattutto per quel pubblico che voleva vedere un altro film”.

La conferma è arrivata anche da Kristin Davis, che veste i panni di Charlotte in “Sex and the City”: “È vero che il terzo film non si farà – ha spiegato in un post sui social -. Avrei voluto mettere in scena il capitolo finale e completare la storia dei nostri personaggi. È profondamente frustrante non essere in grado di condividere quel capitolo (splendidamente scritto dal regista Michael Patrick King) con tutti voi. Quindi avremo solo i nostri ricordi, Sex and the City resterà per sempre nei nostri cuori”.

Secondo alcune indiscrezioni la casa di produzione avrebbe scelto di cancellare il terzo capitolo di “Sex and The City” a causa delle richieste esagerate di Kim Cattrall. L’attrice che interpreta Samantha infatti avrebbe accettato di partecipare al progetto solo in cambio del finanziamento da parte della Warner Bros di altri film con lei protagonista. Una pretesa che i dirigenti avrebbero trovato esagerata e inaccettabile. L’assenza di una delle quattro protagoniste avrebbe spinto i produttori ad annullare tutto.

Inutile dire che i fan si sono scagliati immediatamente contro Kim Cattrall, accusandola di aver mandato in fumo il progetto. L’attrice però ha negato ogni responsabilità: “Mi sono svegliata in una tempesta di mer..a – ha scritto su Twitter -. L’unica richiesta che io abbia mai fatto era di non fare un terzo film ancora nel 2016″.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti