Stufe e camini: come scegliere il legno e usarlo correttamente

Ecco come piccoli cambiamenti nelle abitudini di combustione possono portare grandi benefici per una vita più sana e un'aria più pulita in casa

6 Dicembre 2023
Stefania Cicirello

Stefania Cicirello

Content Specialist

Content writer, video editor e fotografa, ha conseguito un Master in Digital & Social Media Marketing. Scrive articoli in ottica SEO e realizza contenuti per social media, con focus su Costume & Società, Moda e Bellezza.

Nelle fredde serate invernali, il tepore di un camino o di una stufa a legna crea un’atmosfera accogliente e confortante. Tuttavia, spesso sottovalutiamo l’impatto che la nostra scelta di utilizzare questi apparecchi può avere sulla nostra salute e sull’ambiente circostante. L’inquinamento atmosferico rappresenta un grave rischio e, sorprendentemente, l’uso di camini e stufe contribuisce in maniera significativa, con effetti dannosi sul nostro benessere.

Scopriamo allora come piccoli cambiamenti nel modo in cui bruciamo la legna possono portare benefici non solo per la nostra salute ma anche per la qualità dell’aria che respiriamo quotidianamente. Il comfort del camino scoppiettante o della stufa calda in inverno può essere allettante, ma non va trascurata l’importanza di come bruciamo la legna.

L’inquinamento atmosferico è un serio rischio per la salute pubblica, e l’utilizzo di camini o stufe in casa contribuisce in modo significativo alla produzione di un inquinante conosciuto come particolato fine, indicato come PM 2,5. Queste minuscole particelle possono penetrare nei polmoni e danneggiare altri organi, minacciando la nostra salute.

Come usare correttamente camino e stufa

Le modifiche nella gestione della combustione possono portare vantaggi sostanziali, a partire dal miglioramento della qualità dell’aria che respiriamo. Questo non solo riduce l’inquinamento ambientale, ma protegge anche la salute di familiari e vicini. Per bruciare in modo più responsabile e consapevole, è essenziale intraprendere una serie di passaggi chiave ed evitare alcuni errori comuni:

  • Una stufa o un caminetto che riceve manutenzione regolare funziona in modo più efficiente, produce meno inquinanti e utilizza meno carburante per generare calore.
  • Tenere sotto controllo la presenza di crepe nei mattoni refrattari, pulire regolarmente la cenere e verificare la guarnizione della porta sono piccoli gesti che fanno la differenza.
  • Un’operazione di pulizia annuale, affidata a uno spazzacamino professionista, è fondamentale per ridurre l’accumulo di fuliggine e catrame, migliorando l’efficienza e riducendo il rischio di incendi.

Come scegliere il legno da comprare e da usare in camini e stufe

Il tipo di legno che usiamo per accendere il fuoco svolge un ruolo cruciale. L’adozione di combustibili più puliti, come legna secca o solidi lavorati, produce meno fumo e inquinamento rispetto alla legna umida o al carbone tradizionale. Questi non solo sono più ecologici ma offrono anche un rendimento migliore, producendo più calore.

Acquistare legna contrassegnata dalla dicitura apposita “da ardere” garantisce un tasso di umidità inferiore, riducendo l’emissione di sostanze nocive durante la combustione. Anche conservare correttamente la legna è cruciale per assicurare che si asciughi adeguatamente, riducendo l’umidità al di sotto del livello critico per una combustione pulita e efficiente. È altresì importante non bruciare legno trattato chimicamente o con materiali verniciati, poiché rilasciano sostanze inquinanti pericolose per la salute umana.

Il modo in cui bruciamo la legna influisce notevolmente sulla nostra salute e sull’ambiente circostante. La consapevolezza e l’adozione di pratiche migliori non solo migliorano la nostra qualità dell’aria domestica ma contribuiscono anche a preservare la salute di tutti. La cura nell’utilizzo di camini e stufe, la scelta attenta del carburante e la manutenzione regolare sono passi fondamentali verso un futuro più sano e sostenibile per tutti.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti