Animali strani: le caratteristiche del maialino nano

Il maialino nano è uno dei tanti animali strani che può essere considerato un animale domestico al pari dei più famosi compagni domestici gatti e cani

Fonte: Pixabay

Il maialino nano è un fedele compagno di avventure, senza nulla levare ai nostrani gatti e cani. Coccolone, docile e intelligente, questa specie animale riesce ad instaurare un ottimo rapporto con i suoi padroni, comunicando con essi attraverso grugniti e il movimento della coda.

Si adatta perfettamente alla vita famigliare e convive, senza nessun tipo di problema, con altri animali, soprattutto con i cani, con cui ha molte caratteristiche in comune. Come loro, riesce a riconoscere il suo nome e risponde quando viene chiamato. A differenza del cane però, il maialino nano, non ha un rapporto cucciolo/padrone con gli abitanti della casa in cui è ospitato, ma piuttosto un rapporto alla pari.

Le caratteristiche del maialino nano

Contrariamente a quanto si possa pensare, questa specie è molto pulita. E’ in grado di fare i bisogni sempre nello stesso punto,senza la necessità che gli venga insegnato. Se ha a disposizione una bacinella piena d’acqua, si fa perfino il bagno una volta al giorno e non perde nemmeno il pelo, a differenza del cane, in giro per casa.
A differenza degli altri esemplari della sua specie, il maialino nano a le dimensione di un cane di taglia media e il colore del suo manto varia dal bianco al nero. Tra le sue caratteristiche vanta un ottimo senso dell’udito e dell’olfatto.

Di cosa ha bisogno il maialino nano?

Affinché possiate assicurargli una vita lunga, e in buona salute, il maialino nano necessita di seguire una dieta equilibrata e di tanto esercizio fisico.
Potete nutrirlo con gli avanzi della cucina, accompagnati da un composto formato da: farina di soia e di mais, fiocchi d’avena, erba medica e cruschello. Se non si ha la possibilità di portarlo al pascolo, bisogna fornirgli degli integratori minerali.

Proprio come se fosse un cagnolino, questa specie di maiale necessita di essere portato fuori, a passeggio. Un comunissimo guinzaglio andrà più che bene per tenerlo a bada. Se è possibile, si consiglia di farlo passeggiare per grandi spazi verdi, come un bosco ad esempio, in modo da immergerlo nel suo habitat naturale.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti