Biscotti fatti in casa: meglio usare lo zucchero di canna?

Perchè i biscotti fatti in casa siano buoni e belli, dobbiamo seguire alcuni accorgimenti che non sempre vengono riportati nelle ricette

Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!

I biscotti fatti in casa sono l’ideale da accompagnare a una bella cioccolata calda (falla così, senza latte) per un pomeriggio casalingo davanti alla tv: l’importante è che siano buoni, ma certo anche l’occhio vuole la sua parte.

Perchè quindi alle volte i biscotti che cuciniamo in casa non sono proprio simili a quelli che campeggiavano in bella vista nelle foto sul libro o sul sito di ricette? Spesso l’aspetto estetico di un dolce è dato da alcuni piccoli accorgimenti che nelle ricette non vengono indicati: due su tutti, il tipo di zucchero da usare e la temperatura del burro.

Burro e zucchero sono due ingredienti presenti in tutte le ricette (o quasi, almeno che non siano versioni vegane): ma sapete quando è meglio usare lo zucchero bianco e quando quello di canna? Una volta sfatati i falsi miti sulle differenze fra i due tipi di zucchero, resta comunque da considerare che la loro composizione è diversa: lo zucchero di canna ha della melassa all’interno che farà restare i nostri biscotti più morbidi, umidi e “gommosi”, se necessario, mentre lo zucchero bianco assicurerà maggiore croccantezza. 

Stessa cosa per il burro: raramente le ricette indicano la temperatura e la consistenza di questo ingrediente, eppure tutte e due le cose sono molto importanti per la riuscita finale del vostro dolce (ad esempio di questi cookies). Nel caso di ricette come plumcake o altri dolci in cui il burro va montato, questo deve essere a temperatura ambiente, in modo da incorporare bene i granelli di zucchero e ottenere una crema gonfia e spumosa. Il burro fuso invece è richiesto solo in alcuni casi specifici, dove si ha bisogno di un risultato più piatto.

Per realizzare invece una torta di mele, una crostata o una sbriciolata, il burro deve essere freddo: solo così si formeranno piccole briciole di impasto che contribuiranno a rendere l’impasto friabile e croccante.

Infine, un piccolo suggerimento per chi cucina pancake: in questa ricetta viene indicato di utilizzare il burro fuso, ma lasciatelo leggermente raffreddare prima di unirlo alle uova, perchè altrimenti rischiate di cuocerle e trasformare i vostri pancakes in uova strapazzate!

 

 

 

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti