Busta paga, la sorpresa di Natale? Quanto aumenta la tredicesima

Una nuova riforma fiscale potrebbe portare interessanti novità in busta paga e nella tredicesima. Arriva una bella sorpresa per Natale?

13 Dicembre 2023
Giuseppe Guarino

Giuseppe Guarino

Giornalista

Ph(D) in Diritto Comparato e processi di integrazione e attivo nel campo della ricerca, in particolare sulla Storia contemporanea di America Latina e Spagna. Collabora con numerose testate ed è presidente dell'Associazione Culturale "La Biblioteca del Sannio".

Con l’arrivo delle festività natalizie, si rinnova l’attesa per la tanto agognata tredicesima mensilità dei lavoratori dipendenti, un momento che spesso accompagna il periodo delle festività con un incremento economico nell’assegno di fine anno. Tuttavia, quest’anno, alcune novità e previsioni delineano un contesto leggermente differente rispetto al passato.

Aumento tredicesima: la riforma fiscale

La riforma portata avanti dall’esecutivo è caratterizzata da vari elementi, ma uno degli aspetti più interessanti riguarda la detassazione della tredicesima, degli straordinari e dei premi di produzione. Un intervento che, di fatto, potrebbe tradursi in un aumento delle entrate nelle tasche dei lavoratori, proprio nel momento in cui il bisogno di risorse extra è maggiormente sentito.

Scopri anche:– 244mila € e 48 giorni di ferie: il lavoro che nessuno vuole fare

L’anno venturo potrebbe portare con sé una riduzione delle aliquote fiscali, una mossa che mira a semplificare il sistema e a renderlo più favorevole per i contribuenti. Il passaggio da quattro a tre scaglioni rappresenta un’iniziativa che promette di rendere più agevole la comprensione delle imposte e allo stesso tempo alleggerire il carico fiscale per i redditi medio-bassi. Uno dei punti focali è l’abolizione dell’aliquota del 25% per i redditi fino a 28 mila euro, creando un nuovo scaglione al 23%. Nel lungo termine, ovviamente, l’obiettivo del governo è un vecchio cavallo di battaglia del centro-destra: la flat tax.

Di quanto aumenta la tredicesima per il 2023

La comprensione delle variabili che influenzano la tredicesima diventa fondamentale per ogni lavoratore. Oltre alle oscillazioni nell’importo, è essenziale tenere d’occhio possibili cambiamenti normativi che potrebbero impattare il bonus nei prossimi anni. Nell’attesa del Natale e dell’arrivo della tredicesima, è tempo di valutare le proprie finanze personali e prepararsi ad accogliere questo prezioso bonus che, se gestito saggiamente, può rappresentare un valido sostegno economico in un periodo così speciale dell’anno.

Secondo le informazioni disponibili, per coloro il cui reddito imponibile si attesta entro una certa fascia, si prevede uno sgravio contributivo maggiore rispetto all’anno precedente. Questa variazione dovrebbe tradursi in un aumento netto della tredicesima, stimato intorno ai 12 o 13 euro in più rispetto all’anno precedente, considerando anche l’incidenza dell’Irpef.

Tuttavia, va precisato che per chi ha un importo della tredicesima superiore alla soglia di 1.923 euro ma inferiore a 2.692 euro, non ci saranno modifiche nell’applicazione dello sgravio, che si manterrà al 2% come nell’anno precedente.

Come sarà la tredicesima del prossimo anno

L’aspetto cruciale da sottolineare è la proiezione verso il prossimo anno: le previsioni indicano la possibile assenza di uno sgravio contributivo sulla tredicesima del 2024. Questo scenario potrebbe portare a una diminuzione significativa del netto ricevuto, con differenze sostanziali rispetto all’anno in corso.

È fondamentale ricordare che la tredicesima costituisce una retribuzione aggiuntiva, accumulata nel corso dell’anno lavorativo. Anche se solitamente erogata in un’unica soluzione entro dicembre, esistono accordi aziendali che permettono ai dipendenti di riceverla mensilmente insieme allo stipendio.

Tredicesima, le sfide del governo per il 2024

Per il 2024, ci sono alcune sfide da superare, tra cui la ricerca di risorse finanziarie per supportare questa operazione, le famose “coperture”. Ad ogni modo, le basi di questa proposta sono state fissate nella delega fiscale, comparsa il 14 agosto scorso sulla Gazzetta Ufficiale.

La corsa contro il tempo è iniziata. Le fasi di implementazione dei decreti delegati, che concretizzeranno il nuovo sistema tributario, hanno una finestra temporale massima di 24 mesi. Tuttavia, il governo sta considerando l’opportunità di accelerare questo processo. Il ragionamento è chiaro: rendere disponibili ulteriori risorse agli italiani per il Natale avrebbe un impatto positivo sull’economia, stimolando i consumi proprio nel periodo festivo.

Inoltre, con le elezioni europee all’orizzonte, i partiti di governo potrebbero sfruttare questa iniziativa come un argomento per la loro campagna elettorale. Un sostegno tangibile alle famiglie italiane potrebbe tradursi in un punto a loro favore nei discorsi elettorali.

Insomma, la tredicesima potrebbe rivelarsi molto più di una semplice cifra su una busta paga. Potrebbe rappresentare una sorpresa natalizia in grado di contribuire a migliorare la situazione finanziaria delle famiglie italiane e ad aggiungere un tocco di ottimismo a un periodo dell’anno già carico di gioia e speranza.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti