Cambio orario legale-solare 2016: quando, perché e come spostare le lancette di un’ora

Le lancette verranno messe un'ora indietro. La cosa positiva è l'ora di sonno in più, ma ci sono anche effetti negativi. Vediamoli insieme

Sabato 29 ottobre tornerà l’ora solare. Mancano pochissimi giorni al cambio che avverrà nella notte tra sabato e domenica e bisognerà mettere le lancette un’ora indietro. Quindi alle 3 di notte le lancette torneranno alle 2. La buona notizia è che possiamo dormire un’ora in più, ma farà buio più presto, quindi di giorno la luce andrà via prima.

Il cambio di ora, purtroppo, può provocare degli sbalzi sul ritmo biologico soprattutto nei bambini e negli anziani. Quindi bisogna stare molto attenti e cercare di preparare i più piccoli a questo cambio attraverso delle piccole correzioni, come spostare gli orari delle attività o l’ora della pappa.

L’importanza dell’ora solare- legale e come cambia nel mondo

L’ora solare-legale è molto importante in quanto si cerca di ottimizzare l’uso della luce solare per poter risparmiare energia elettrica. In primavera ed estate, con l’ora legale, il sole sorge prima delle 6 e tramonta verso le 8 mentre con lo spostamento della lancetta, in inverno, il sole sorge alle 7 tramonta alle 6.

Non tutti i paesi hanno adottato l’ora legale, quindi è bene conoscere l’ora del paese che si visita. Ad esempio in Cina, Madagascar, Maldive, Thailandia, India, Zanzibar non hanno l’ora legale. L’ora legale in Australia parte da ottobre e finisce a marzo ma alcuni territori non lo applicano come il Queensland e il Western Australia. Il Brasile, invece, ha tre fusi orari differenti e non tutte le regioni lo applicano. Notizia di questi ultimi giorni è che il parlamento delle isole Baleari ha chiesto di rimanere con l’ora legale per garantire più luce ai turisti in giro per la città.

Effetti negativi del cambio ora

Il cambio dell’ora può comportare piccoli cambiamenti sulle abitudini e sul ritmo di grandi e piccini, è come se fosse un piccolo fuso orario. Si possono avere degli effetti negativi per un paio di giorni come emicrania, insonnia, stress. Molti, nei primi giorni, vivono male il cambio in quanto sono abituati ad orari precisi,quindi bisogna riformulare i propri orari e abitudini per poter affrontare al meglio il cambio.

Ad esempio, bisogna evitare il consumo di alcolici e di non fare abuso di tè e caffè che contengono la caffeina, evitare di condire troppo i pasti ma mangiare molta frutta e verdura. Bisogna bere molta acqua e cercare di rilassarsi quando si è a letto e non utilizzare pc e telefono. I pasti che favoriscono il sonno sono la pasta, il riso, il pane, l’orzo,legumi, uova bollite, formaggi freschi, pesce, carne, lattuga, zucca e radicchio. Quindi, state attenti a seguire queste linee guida se siete dei soggetti che, durante il cambio, soffrono di queste problematiche.

Gli animali subiscono il cambio?

L’ANMVI, Associazione Nazionale Medici e Veterinari Italiani ha affermato che gli animali si adeguano in modo perfetto al cambio in quanto hanno un loro orologio biologico. Quindi i padroni non devono preoccuparsi di dover affrontare il loro amato animale alla presa con crisi.

L’unica cosa possibile è che il vostro amato animaletto avrà voglia di mangiare prima del solito, quindi bisogna semplicemente abituarlo a determinati orari. Ma state tranquilli non soffrirà di attacchi di panico, isteria, nervosismo e fatica.

 

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti