C’è un giardiniere artista dietro le statue romantiche di Torino

Impossibile non intenerirsi davanti alle creazioni da fiaba di questo giardiniere artista che abbellisce la sua città.

31 Agosto 2021
Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!

La “panchina innamorata” con i lampioni che si intrecciano come amanti, un pescatore in attesa con un tenero micetto, un lettore incallito, una dama con l’ombrellino e l’innaffiatoio. E ancora: farfalle, biciclette, uccelli e ranocchi. Sono solo alcuni dei soggetti più romantici (da fiaba, verrebbe da dire) in cui può capitare di incappare semplicemente camminando per Torino. Molti sono disseminati nel parco del Valentino e creano angoli tenerissimi in cui l’arte incontra la natura con grande spontaneità. Ma chi c’è dietro questi lavori?

Ribattezzato ‘giardiniere artista’, a firmare queste installazioni da alcuni anni in città – ce ne sono anche per le strade e nelle piazze del capoluogo piemontese – è Rodolfo Marasciuolo. Le sue statue sono apprezzatissime soprattutto dagli appassionati di fotografia e di social tanto che sono centinaia i post che gli utenti hanno dedicato loro. Molte sono concentrate nel Giardino Roccioso, un vero e proprio angolo di magia nel verde torinese con viottoli e laghetti.

Nessuna delle opere è siglata da Marasciuolo e spesso vengono spostate quasi a voler continuare a sorprendere anche il visitatore abituale oltre ai turisti. Il romantico ‘giardiniere artista’ è un dipendente del Comune di Torino che potrebbe limitarsi a potare e curare piante e aiuole del parco. E questo fa nelle ore in cui è operativo ma nel tempo libero si dedica all’arte realizzando quei piccoli capolavori che poi dissemina proprio per la sua città.

Oltre al parco, si possono incontrare le creazioni fiabesche di Rodolfo Marasciuolo anche in prossimità di piazza Castello, in piazza Carlo Alberto e al parco Rignon. Difficile definire una mappa precisa dal momento che le statue vengono spostate ma riconoscerle sarà un gioco a ragazzi. E chissà che non ne possano spuntare di nuove da un giorno all’altro.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti