Come accrescere l'autostima

L'autostima è fondamentale per avere una vita serena. Alcuni consigli pratici ci aiutano ad aumentarla

Fonte: Pixabay

La mancanza di autostima può essere un problema piuttosto importante che finisce con il rovinare bei momenti. La bassa stima di noi ci priva della soddisfazione di godere delle opportunità che abbiamo di fronte. Gestire la nostra personalità e accrescere l’autostima richiede esercizio e forza di volontà. Come spesso accade, un approccio diretto al problema può essere fondamentale.

Essere critici verso se stessi è un conto, distruggersi continuamente per ogni episodio è un altro. Evitate di pensare continuamente a voi stessi, parlate liberamente in pubblico senza troppi freni e prestate attenzione agli altri. Qualche piccolo accorgimento pratico che vi faccia uscire dal microcosmo ‘IO’ è sufficiente per darvi l’impressione realistica che la perfezione non esiste nel mondo. Dunque, è meglio se vi arrendete subito dal cercarla.

I primi passi per avere stima di sé

Se pensate che i vostri difetti (che certamente avete) siano una buona ragione per non fare qualcosa, probabilmente state già mancando di autostima (o forse volete evitare ulteriori responsabilità). Il primo consiglio per vivere più serenamente le circostanze che si presentano è quello di evitare l’auto-sabotaggio. Quando state perseguendo un obiettivo, non vivete ogni episodio come la prova che non siete sufficientemente all’altezza del compito, ma piuttosto cercate una soluzione fra le vostre qualità.

Fare complimenti alle altre persone, complimenti sinceri, è un modo per gratificare noi stessi. Gli altri sono il nostro specchio, e ogni complimento che facciamo ci consente di individuare le nostre qualità. Fondamentale per aver stima di sé, è sapere di aver fatto tutto il possibile fino alla fine. Portare a termine gli obiettivi è cruciale per chiudere un percorso e fare le proprie valutazioni.

Altri suggerimenti per accrescere l’autostima

Se non volete finire nel baratro dell’iper-criticità, smettete immediatamente di pensare unicamente a voi stessi e alla vostra condizione. Uscite e passate del tempo con gli altri, prendete coscienza del resto del mondo. Rilassatevi, fate yoga, Tai Chi o qualsiasi altra cosa distenda i nervi. Premiate voi stessi, fate una lista di ciò che avete raggiunto: serve a capire che in fondo non siete così male.

Altri consigli sono molto più pratici e richiedono l’applicazione di comportamenti concreti. Il primo fra questi è quello di sedersi in prima fila durante le lezioni, le riunioni e perfino al cinema o in chiesa. Abbandonate l’oscurità delle retrovie in cui cercate rifugio. Prendete la parola in pubblico. Le altre persone parlano e quasi mai hanno qualcosa più intelligente o divertente di voi da dire. Non dovete credere che la vostra opinione sia priva di valore, o, perlomeno, non ha meno peso di quella degli altri. Infine, aiutate gli altri per sentirvi bene con voi stessi.

TAG:

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti