Droni, aerei e incidenti, il pericolo delle collisioni

Gli incidenti con i droni stanno generando preoccupazione nel mondo dell'aviazione. Sono utili strumenti di riprese video, ma c'è chi ne abusa causando possibili disastri

Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!

Gli incidenti con i droni stanno sollevando l’opinione pubblica di fronte al potenziale rischio dei disastri aerei.

Il loro vero nome è “unmanned aerial system” ovvero sistema aereo senza pilota, ma noi li conosciamo come Droni. Dopo un discreto approccio tra le industrie belliche, fra la seconda guerra mondiale e la fine della guerra fredda, i droni agli inizi degli anni 2000 hanno trovato il loro pacifico utilizzo come strumenti di soccorso , monitoraggio e controllo di aree sensibili o pericolose.

Agli inizi del 2010 si è registrata un’esponenziale vendita di questi apparecchi volanti. Il loro punto forte sta nella possibilità, attraverso una telecamera di riprendere da uno spettacolare punto di vista ambienti, edifici e grandi aree dall’alto come farebbe un elicottero, con il vantaggio del considerevole abbattimento dei costi e della semplicità di utilizzo, visto il grande livello tecnologico di manifattura.

Se in un primo momento, presso i negozi di modellismo o via internet, trovavamo il professionista o l’appassionato di volo, oggi possiamo trovare il neofita o semplicemente il ragazzo che, finalmente, con una cifra modesta può portarsi a casa un drone radiocomandato. Tale fatto aumenta di gran lunga la possibilità di un uso spropositato. Il pericolo comune consiste nel “perdersi” il drone a causa di un malfunzionamento o di un’uscita dal raggio d’azione per via di un errore umano. In quest’ultimo caso, non potendo più tornare indietro, esso si scaricherebbe, precipitando su oggetti o addirittura persone ignare.

Il timore più grande sta nella possibile collisione tra velivoli convenzionali e droni. Un aeromobile in fase di atterraggio e decollo può superare i 300 km/h e l’urto con un drone, potrebbe causare ingenti danni al sistema propulsivo o creare rotture alla carlinga dell’aeroplano all’insaputa dei piloti. Questo è quello che stanno denunciando i piloti inglesi dell’aeroporto di Heathrow nel Regno Unito, i quali hanno più volte avvistato questi apparecchi radiocomandati o droni in fase di approccio alle piste.

Un classico drone in commercio raggiunge i 20 chili, pensate quindi alla sua pericolosità. Nei mesi scorsi ad esempio, un drone si è quasi schiantato, su uno sciatore professionista allo slalom di Coppa del Mondo di sci in corso a Madonna di Campiglio.
L’ente nazionale per l’aviazione civile (ENAC) è corsa subito ai ripari introducendo importanti regole per l’uso e le modalità di impiego dei “Mezzi Aerei a Pilotaggio Remoto” proprio per evitare spiacevoli incidenti.

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti