E' giusto usare la candeggina per pulire la cucina?

La candeggina è uno dei prodotti più venduti e usati per le pulizie: ma è veramente sempre utile?

Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!

La candeggina è sempre stata molto amata dalle massaie, soprattutto “quelle di una volta”: sembrava efficacissima nel lavare e soprattutto nello sbiancare, ma anche nell’igienizzare gli ambienti più difficili di casa, la cucina e il bagno.

In questi ultimi due anni di pandemia, la candeggina è tornata a ripopolare le nostre dispense (non che avesse mai smesso) ed è anzi diventata anche per alcuni periodi introvabile: questo perchè l’Ipoclorito di Sodio (NaClO) è uno delle molecole efficaci per la distruzione del virus del Sars-CoV-2.

Ma è corretto utilizzare la candeggina in lavatrice, in cucina e in bagno? Andiamo con ordine: in lavatrice la candeggina è efficace come smacchiante e sbiancante, viene infatti usata da sempre (anche nella sua variante delicata, a base di perossido di idrogeno). Grazie all’azione ossidante, infatti, la candeggina è efficace come smacchiatore anche a basse temperature e usata con le dovute accortezze (non sui colorati) il suo utilizzo non comporta rischi.

Altra storia per quanto riguarda bagno e cucina: la candeggina infatti non è un detergente, cioè non contiene tensioattivi, quindi in sintesi non rimuove lo sporco. E’ però pericolosa per la salute delle superfici, porose o non, perchè rischia di danneggiarle: stesso discorso per l’acciaio, che rischia di ossidare se la candeggina non viene ben sciacquata dopo l’utilizzo.

Anche come disinfettante, il discorso è complesso: il cloro, sostanza chimica liberata dalla candeggina, è in effetti un disinfettante. Ma per agire deve essere usato a concentrazioni piuttosto alte (sicuramente più del 3-5% del prodotto comunemente venduto al supermercato) e deve restare a contatto con le superfici per un tempo sufficientamente lungo.

La candeggina, in buona sostanza, ha alcune caratteristiche che la rendono un buon prodotto per la casa, prime fra tutte il prezzo irrisorio e la disponibilità: è però altamente tossica, irritante al contatto e tossica per inalazione, non può essere miscelata perchè provoca reazioni anche pericolose ed è anche molto inquinante per l’ambiente.

 

 

più popolari su facebook nelle ultime 24 ore

vedi tutti